La guerra di camorra a Napoli. Si può chiedere asilo?

Riesplode feroce la guerra di camorra a Napoli. Due omicidi nel giro di poche ore. Il sindaco De Magistris: "Napoli non è Baghdad".

La guerra di camorra a NapoliEscalation di violenza negli ultimi giorni a Napoli. Un uomo di 30 anni con precedenti penali è stato ucciso sabato sera a Poniticelli mentre usciva dal negozio della sorella. Poche ore dopo, un minorenne è stato ammazzato davanti alla chiesa di San Vincenzo nel quartiere Sanità. Tra le ipotesi, quella che il diciassettenne sia stato colpito a morte accidentalmente.

Due omicidi non collegati tra loro, ma che fanno emergere nuovamente il problema della vivibilità a Napoli. Ma non finisce qui. A Soccavo ci sono stati tre raid nel giro di 12 ore. Desta preoccupazione la ripetuta esplosione di proiettili di kalashnikov nel rione Traiano e il ritrovamento di una bomba a mano inesplosa all’interno di un parcheggio di via Epomeo, nel quartiere Soccavo. E’ inutile girarci intorno, nel capoluogo campano è ripresa la guerra di camorra. La situazione dell’ordine pubblico cittadino è al centro di una riunione del comitato provinciale per la sicurezza convocato per oggi(7 settembre) a Napoli in Prefettura, cui parteciperà anche il sindaco Luigi De Magistris. Il primo cittadino ha dichiarato: “Noi in prima linea, basta strumentalizzazioni: Napoli non è Baghdad”. Ha ragione. Il capoluogo campano è come Kobanê, la città nel nord della Siria. Chiedo asilo politico come i siriani. La cancelleria tedesca Angela Merkel aprirà le porte anche ai napoletani?

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Concorso per Vigili Urbani del Comune di Napoli

Maxi operazione contro IPTV illegali

Renzi lascia il PD

BCE lancia Quantitative easing da 20 miliardi al mese

Confindustria propone tassa sul contante

La guerra che fa salire il prezzo del petrolio