Luca Abete visita una zona di guerra

L'inviato di "Striscia La Notizia" è tornato sul luogo dove c'è stato un mega rogo il 31 agosto 2015. Le bonifiche sono partite? Guarda il video.

Auto bruciateSembra uno scenario di guerra ma non lo è. La foto che vedete accanto non è stata scattata in Iraq o Siria ma a Giugliano, in provincia di Napoli. Sono le auto del deposito giudiziario andate in fumo il 31 agosto 2015. Da quanto tempo erano lì quei veicoli?

Andiamo con ordine. Quel deposito nasce per depositare temporaneamente le auto sequestrate. Dalle immagini satellitari del 2002 si nota che l’ammasso di veicoli era già presente. La cosa sconvolgente è che il deposito viene realizzato tra case, scuole e coltivazioni, senza alcuna misura di sicurezza. Il mega rogo si sarebbe potuto evitare e a rimetterci son sempre i cittadini. Qualcuno pagherà le colpe di questo disastro annunciato? Luca Abete, inviato di “Striscia La Notizia”, è tornato sul luogo 22 giorni dopo il rogo. Il risultato? E’ rimasto tutto come il day after, non è ancora partita la bonifica. Ormai è chiaro a tutti che allo Stato non interessa la salute dei cittadini della Terra dei Fuochi. Siamo in una zona di guerra!

DISASTRO ANNUNCIATO: AUTO in FIAMME tra case, scuole e coltiva...

"Qualcuno" ha dimenticato il significato dell'aggettivo TEMPORANEO, così centinaia di auto sono ammassate TEMPORANEAMENTE in un deposito giudiziario TEMPORANEO dal 2002, tra case, scuole e coltivazioni, senza alcuna misura di sicurezza!!!L'INCENDIO si sarebbe potuto evitare e a rimetterci son sempre i CITTADINI!Qualcuno pagherà le colpe di questo disastro annunciato?>>>GUARDA il VIDEO<<<

Posted by Luca Abete - official page on Martedì 22 settembre 2015

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Bollo auto abolito con lo spread?

Flat tax con aliquota al 15% fino a 55 mila euro

Comune di Napoli regala stadio San Paolo a De Laurentiis

Il cantiere di piazza Garibaldi

Perché si usa Facebook?

Rimodulazione Vodafone da settembre 2019