Oms-Unicef: -53% bimbi morti dal 1990

Ancora un calo nella mortalità infantile globale. Sebbene i progressi siano stati significativi, 16.000 bambini sotto i cinque anni continuano a morire ogni giorno.

BambinoOgni giorno nel mondo 16 mila bimbi sono vittime di malattie prevenibili, come polmonite, diarrea e malaria, ma la mortalità infantile è scesa del 53% dal 1990. Lo rivela un rapporto Oms-Unicef.

Per la prima volta da quest’anno i decessi annuali scendono sotto i 6 milioni(per la precisione: 5,9 milioni). Erano 12,7 milioni all’anno venticinque anni fa. Non sarà raggiunto però l’obiettivo delle Nazioni Unite di ridurre la mortalità infantile del 66% entro il 2015. Geeta Rao Gupta, vicedirettore dell’Unicef, ha dichiarato: “Dobbiamo riconoscere enormi progressi a livello globale, soprattutto dal 2000, quando molti Stati hanno triplicato il tasso di riduzione della mortalità sotto i cinque anni”. Il rapporto rileva che la sfida più grande rimane il periodo intorno alla nascita. Il 45% dei decessi tra 0 e 5 anni si concentrano nei primi 28 giorni di vita: 1 milione di nel giorno stesso della nascita e quasi 2 milioni entro la prima settimana di vita. L’Africa subsahariana è la regione con il più alto tasso di mortalità infantile al mondo: 1 bambino su 12 muore prima del suo quinto compleanno, un tasso oltre 12 volte superiore alla media(1 su 147) dei Paesi ad alto reddito.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

L’amministrazione del degrado di De Magistris

La caduta del muro di Berlino

Il parcheggio abbandonato dal Comune di Napoli

Voragine in via Masoni

Il caso ex Ilva di Taranto

Tariffe votive anno 2019 Comune di Napoli