Oxfam: Rischia povertà anche chi lavora

Sono 342 miliardari e 123 milioni le persone che rischiano l'esclusione sociale. A dirlo è il rapporto “Un’Europa per tutti, non per pochi” di Oxfam.

Diseguaglianza di reddito in UEIn Europa ci sono 342 miliardari e 123 milioni di persone a rischio povertà. Lo si legge in “Un’Europa per tutti, non per pochi”, il nuovo rapporto sulla disuguaglianza di Oxfam. Vale anche per chi ha un’occupazione: in Italia l’11% dei lavoratori tra i 15 e i 64 anni è a rischio povertà. Un dato che ci posiziona al 24° posto tra i ventotto paesi dell’Unione Europea.

Nel nostro Paese il 20% delle persone detiene il 61,6% della ricchezza nazionale netta, al 20% degli italiani più poveri va solo lo 0,4%. Tra il 2009 ed il 2013 il numero di persone che viveva in una condizione di grave deprivazione materiale, vale a dire senza reddito sufficiente per pagarsi il riscaldamento o far fronte a spese impreviste, è aumentato di 7,5 milioni in 19 paesi dell’Unione Europea, inclusi Spagna, Irlanda, Italia e Grecia, arrivando a un totale di 50 milioni. In Italia dal 2005 al 2014 la percentuale di persone in stato di grave deprivazione materiale è aumentata di 5 punti(dal 6,4% all’11,5%). Sono quasi 7 milioni di persone, e tra di loro ad essere più colpiti sono i bambini e i ragazzi sotto i diciotto anni. Roberto Barbieri, direttore di Oxfam Italia, ha dichiarato: “La povertà e l’aumento della disuguaglianza non sono fenomeni inevitabili, ma sono l’effetto di scelte politiche troppo spesso effettuate tenendo in conto l’interesse di pochi e non quello di tutti i cittadini europei”.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Taglio pensioni d’oro lo chiede l’UE

Come risolvere il problema della spesa pensionistica?

Il caso New York University di Conte

Impresa di Froome al Giro d’Italia

Pizza fritta record a Napoli

UE: Conti dell’Italia inadeguati nel 2018