Telecamere in ufficio per fini disciplinari. Chi controlla Poletti?

Il governo Renzi introduce l’utilizzo anche ai fini disciplinari delle immagini e delle riprese ottenute tramite i sistemi di video sorveglianza nei posti di lavoro.

Poletti a cena con un CasamonicaIl Consiglio dei ministri ha approvato il decreto attuativo del Jobs Act riguardante i controlli a distanza da parte delle aziende sui dipendenti che utilizzano tecnologie come tablet e smartphone.

Il ministro del Lavoro Giuliano Poletti ha dichiarato: “Siamo intervenuti sull’articolo 4, nel rispetto delle norme sulla privacy. Avevamo una normativa che riguardava solo gli impianti fissi e oggi abbiamo una normativa complessiva”. Il decreto introduce l’utilizzo delle telecamere sui posti di lavoro anche a fini disciplinari. Il parere, non vincolante, della commissione Lavoro è sempre stato, invece, quello di prevedere l’uso delle immagini esclusivamente ai fini della sicurezza e della salvaguardia degli impianti. Vi rendete conto dove siamo arrivati? Il timore dei sindacati è di riscontrare abusi e metodi invasivi nei confronti dei lavoratori. La cosa buffa è che il ministro Poletti introduce il controllo a distanza del lavoratore ma non vuole avere un microchip in tasca(vedi video) che tracci i suoi spostamenti. L’ex Presidente nazionale della LegaCoop deve ancora spiegarci che ci faceva a cena con il figlio di Casamonica(foto).

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Taglio pensioni d’oro lo chiede l’UE

Come risolvere il problema della spesa pensionistica?

Il caso New York University di Conte

Impresa di Froome al Giro d’Italia

Pizza fritta record a Napoli

UE: Conti dell’Italia inadeguati nel 2018