Ungheria e Danimarca contrarie al piano rifugiati dell’UE

Ungheria e Danimarca rifiutano il piano delle quote obbligatorie dell'UE. Dal prossima settimana ci sarà l'arresto per chi varca illegalmente il confine.

ProfughiL’Ungheria e la Danimarca rifiutano il piano UE, ribadendo il no all’introduzione di quote obbligatorie e permanenti di distribuzione dei rifugiati. Budapest annuncia anche che dal 15 settembre ci sarà l’arresto per chi attraversa illegalmente il confine e verrà inaugurato un muro che delimita il territorio con la Serbia.

E mentre l’Onu chiede agli USA uno sforzo maggiore di accoglienza, da Bruxelles trapela ottimismo: ci si attende che lunedì gli Stati membri possano giungere a un accordo di principio sulla proposta UE di distribuire i 120 mila richiedenti asilo. Nel frattempo resta alta la tensione alle frontiere dell’Europa centro orientale dove premono migliaia di profughi siriani. Centinaia di migranti stanno attraversando il confine tra Ungheria e Serbia. Molti scappano per non essere identificati. In un video choc si vede la polizia ungherese lanciare panini e cibo in un recinto dove sono ammassati i migranti. In Ungheria i profughi che si erano rifugiati nella stazione di Szeged, anche non identificati, hanno accolto l’invito a salire su bus con la promessa di raggiungere l’Austria, Paese che ieri aveva fermato i treni e oggi ha chiuso l’autostrada percorsa a piedi dai migranti. Le ferrovie danesi hanno ripreso i collegamenti con la Germania, sospesi a causa del grande afflusso di migranti.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Pensioni reversibilità Italia nel mirino Ocse

Carta di identità elettronica alle Poste

La presunta gaffe della Castelli sulla Panda 1000

Assicurazione RC auto con scatola nera

Istat: A rischio povertà una persona su 4

Cgia: 11 miliardi al fisco dalle tredicesime