Inps: Lo Statale si ammala di lunedì

I lavoratori italiani tendono ad ammalarsi più frequentemente dopo il weekend. E' quanto emerge dai dati 2014 dell'Inps.

Lavoratrice“Odio i lunedì”. Questo è quello che dice Vasco Rossi nella canzone “Lunedì” dell’album “C’è chi dice No”. Molti lavoratori dipendenti sembrano abbiano preso alla lettera il testo del cantante di Zocca. Secondo i dati dell’Inps, sia per i dipendenti del settore privato sia per quelli pubblici nella maggior parte dei casi il lunedì è il giorno in cui si rileva la frequenza massima di giornate di malattia. Oltre al lunedì, ci si ammala di più nel primo trimestre dell’anno e nel Nord-ovest.

Il numero complessivo di eventi malattia per il 2014 è pari rispettivamente a oltre 8,5 milioni nel settore privato e 4,8 milioni circa nella Pubblica Amministrazione. I dati rivelano un aumento, rispetto al 2013, di 0,8% di malattie nella Pubblica Amministrazione, e un calo del 3,2% nel settore privato. Nella P.A. ci si ammala il doppio che nel privato: in media 10 giorni e mezzo lo scorso anno, contro gli oltre 5 giorni e mezzo delle aziende private. Nella P.A., più frequenti le malattie delle donne(69%), nel privato quelle dei maschi(56,1%). In entrambi i settori, la durata media è 2-3 giorni. In termini territoriali, la Lombardia ha il primato di certificati medici nel privato(21%), il Lazio nel settore pubblico(14,4%). Nel 2014 sono stati persi per malattia quasi 109 milioni di giorni di lavoro. Nel comparto privato i giorni di assenza per malattia sono stati 77.195.793, mentre in quello pubblico sono stati 31.525.329.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Comune Napoli affida a Citelum gestione luci votive

La Vela verde non è stata demolita

La propaganda di De Magistris sui lavoratori Whirlpool

La bomba ambientale nell’ex ICM di via nuova delle Brecce

In vigore dazi Stati Uniti contro UE

Il lago di munnezza a Scampia