Wiko Fever. Lo smartphone a un prezzo accessibile

Wiko Fever è un smartphone Android di buon livello, fortemente votato all'imaging, in grado di soddisfare anche l'utente più esigente.

Wiko FeverWiko Fever è uno smartphone quadband pensato per chi non vuole spendere troppo ma ha bisogno di un dispositivo affidabile e completo. Il nuovo prodotto della casa francese è dotato di uno schermo, sensibile al tocco, da 5,2 pollici di diagonale IPS con una risoluzione di 1.920x.1.080 pixel e una densità di pixel di 424 ppi.

Lo spessore di 8,3mm è contenuto e rende lo smartphone molto interessante. Lo schermo è protetto dalla tecnologia Corning Gorilla Glass 3. Fever è caratterizzato dal design che, per riprendere lo slogan usato da Wiko,illumina la notte”. Sul bordo del telefono, infatti, la casa francese ha montato un dispositivo luminoso, che si accende quando l’ambiente è buio e che rende facile trovare l’apparecchio nella borsa, in casa, in auto. Il nuovo prodotto di Wiko monta il processore Octa-Core MediaTek MT6753 Cortex-A53 da 1,3 GHz affiancato da 3 GB di RAM. La batteria è da 2.900 mAh. La memoria di massa è di 16 GB, espandibile fino a 64 GB con schede di memoria di tipo microSD.

E’ munito di una fotocamera posteriore da 13 megapixel, per scattare foto di alta qualità con una risoluzione di 4.160x3.120 pixel e di registrare video in Full HD alla risoluzione di 1.920x1.080 pixel. La fotocamera anteriore è da 5 megapixel, ottima per fare selfie di ottima qualità. La navigazione su internet è velocissima: Fever dà infatti la possibilità di usare le più moderne reti ad alta velocità 4G e LTE. E’ inoltre dotato di connettività Wi-Fi e Bluetooth. Non dispone invece della tecnologia NFC. Il nuovo smartphone di Wiko è basato su Android 5.1 Lollipop. Il dispositivo è disponibile in tre colori: lack/gold, black/grey e white/gold. Prezzo? Wiko Fever costa 199 euro.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Sgomberato Baobab di Roma

De Magistris arruola uno scarto del M5S e svela cura contro depressione

La fake news di Manfellotto sui contributi UE

Alberi pericolanti nelle pinete del rione Monterosa

Avvertimento al giornalista Federico Ruffo

Birra Napoli si produce a Roma