Apple pagherà a Fisco 318 milioni euro

Il colosso di Cupertino era stato accusato di avere evaso, tra il 2008 e il 2013, 880 milioni di Ires fatturando in Irlanda le vendite su suolo italiano.

Apple pagherà a Fisco 318 milioni euro Con un’intesa da 318 milioni di euro si è chiusa la partita tra Apple e l’Italia sul Fisco. La Apple era infatti stata accusata di aver sottratto ingenti somme all’Agenzia delle Entrate vendendo in Italia, ma fatturando in Irlanda: negli ultimi 7 anni i ricavi italiani del gruppo non hanno mai superato i 30 milioni di euro, a fronte di vendite che invece avrebbero sfondato la soglia del miliardo di euro.

Il meccanismo della cosiddetta “esterovestizione” non è nuovo agli stessi magistrati milanesi, che contestano a un’altra multinazionale americana del calibro di Google, una presunta maxievasione da quasi un miliardo di euro. Il fascicolo era stato aperto due anni fa e aveva portato anche a una perquisizione nella sede milanese della Apple e al sequestro di materiale informatico e telefonico. Il colosso americano di Cupertino era accusato di presunta evasione fiscale per  un mancato versamento dell’Ires per un totale di circa 879 milioni di euro in 5 anni, dal 2008 al 2013. La formalizzazione dell’accordo crea un precedente importante anche in altri Paesi europei.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

L’amministrazione del degrado di De Magistris

La caduta del muro di Berlino

Il parcheggio abbandonato dal Comune di Napoli

Voragine in via Masoni

Il caso ex Ilva di Taranto

Tariffe votive anno 2019 Comune di Napoli