Apple pagherà a Fisco 318 milioni euro

Il colosso di Cupertino era stato accusato di avere evaso, tra il 2008 e il 2013, 880 milioni di Ires fatturando in Irlanda le vendite su suolo italiano.

Apple pagherà a Fisco 318 milioni euro Con un’intesa da 318 milioni di euro si è chiusa la partita tra Apple e l’Italia sul Fisco. La Apple era infatti stata accusata di aver sottratto ingenti somme all’Agenzia delle Entrate vendendo in Italia, ma fatturando in Irlanda: negli ultimi 7 anni i ricavi italiani del gruppo non hanno mai superato i 30 milioni di euro, a fronte di vendite che invece avrebbero sfondato la soglia del miliardo di euro.

Il meccanismo della cosiddetta “esterovestizione” non è nuovo agli stessi magistrati milanesi, che contestano a un’altra multinazionale americana del calibro di Google, una presunta maxievasione da quasi un miliardo di euro. Il fascicolo era stato aperto due anni fa e aveva portato anche a una perquisizione nella sede milanese della Apple e al sequestro di materiale informatico e telefonico. Il colosso americano di Cupertino era accusato di presunta evasione fiscale per  un mancato versamento dell’Ires per un totale di circa 879 milioni di euro in 5 anni, dal 2008 al 2013. La formalizzazione dell’accordo crea un precedente importante anche in altri Paesi europei.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Sgomberato Baobab di Roma

La fake news di Manfellotto sui contributi UE

Birra Napoli si produce a Roma

Avvertimento al giornalista Federico Ruffo

La beneficenza per l’Africa subsahariana finisce in Francia

I nuovi autobus ANM a Napoli