BCE: Più grave crisi su occupati Italia

Tra il secondo trimestre 2013 e il primo trimestre 2015 il livello di occupati italiani è rimasto pressoché invariato.

Matteo RenziProsegue la ripresa economica in modo graduale ma disomogeneo, anche nell’area euro malgrado rischi al ribasso. Invariate le stime del PIL: +1,5% nel 2015, +1,7% nel 2016, +1,9% nel 2017.

La Banca Centrale Europea sottolinea poi nel bollettino che l’afflusso di migranti inciderà sui bilanci, in particolare dei Paesi coinvolti. Per il 2016 vanno dallo 0,35% del PIL in Austria, allo 0,2% in Italia e Germania fino allo 0,1% in Belgio e Slovenia. In Italia è più pesante l’impatto della crisi sull’occupazione, che resta invariata, in controtendenza all’area euro nel periodo tra secondo trimestre 2013 e primo trimestre 2015. Nel documento si legge che due grandi economie dell’Eurozona, Germania e Spagna, hanno contribuito per quasi due terzi all’incremento complessivo del numero di occupati europei, con apporti pari rispettivamente a 592 mila e 724 mila unità. Al contrario i livelli occupazionali di Francia e Italia sono aumentati, nell’ordine, di appena 190 mila e 127 mila unità, pari all’incirca al 15% del rialzo per l’insieme dell’area dell’euro. La Germania mostra adesso un’occupazione superiore del 5% ai livelli pre-crisi(seconda soltanto a Lussemburgo e Malta), mentre il dato per la Spagna resta inferiore del 15% al picco toccato prima della crisi, nonostante la forte ripresa osservata di recente.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Comune Napoli affida a Citelum gestione luci votive

La Vela verde non è stata demolita

La propaganda di De Magistris sui lavoratori Whirlpool

La bomba ambientale nell’ex ICM di via nuova delle Brecce

In vigore dazi Stati Uniti contro UE

Il lago di munnezza a Scampia