Cgia: Stangata a imprese da 5 miliardi

Lo sforzo maggiore sarà richiesto agli albergatori che mediamente saranno chiamati a versare 6.000 euro circa. Seguono i proprietari dei grandi magazzini commerciali.

Albergo a NapoliIl saldo IMU e Tasi costerà alle imprese 5 miliardi di euro. Lo fa sapere la Cgia di Mestre. Lo sforzo maggiore sarà chiesto agli albergatori, che verseranno in media circa 6 mila euro. Seguono i proprietari di grandi magazzini(circa 4.000 euro) e i capitani delle grandi industrie(3.240 euro).

I capannoni di minori dimensioni, gli artigiani e i piccoli imprenditori pagheranno poco più di 2.020 euro. Gli uffici, gli studi privati e i liberi professionisti verseranno un’imposta media di 1.010 euro. Infine, il saldo su negozi e laboratori costerà ai commercianti e ai piccoli artigiani rispettivamente 492 e 378 euro. Paolo Zabeo, coordinatore della Cgia, ha dichiarato: “Dal 2011 al 2015, l’incremento del carico fiscale sugli immobili a uso produttivo e commerciale è stato spaventoso”. Infatti su alberghi, grandi magazzini e capannoni industriali il prelievo è quasi raddoppiato. Il carico sugli uffici ha visto un aumento del 145,3%.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

L’amministrazione del degrado di De Magistris

Il parcheggio abbandonato dal Comune di Napoli

La caduta del muro di Berlino

Voragine in via Masoni

Il caso ex Ilva di Taranto

Tariffe votive anno 2019 Comune di Napoli