Istat: L’economia sommersa vale 190 miliardi di euro

Il dato si riferisce al 2013 ed è pari al 12,9% del PIL. In particolare, droga, contrabbando e prostituzione contribuiscono all'1% del Prodotto interno lordo.

Una donna che offre piacereLe attività illegali(prostituzione, droga, contrabbando) e il sommerso nel 2013, ammontano a 206 miliardi di euro, pari al 12,9% del PIL. A riferirlo è l’Istat nel rapporto “Economia non osservata nei conti nazionali”.

Il solo valore aggiunto dell’economia sommersa valga 190 miliardi di euro, l’11,9% del PIL. Nel 2013, le attività illegali considerate nel sistema dei conti nazionali hanno generato un valore aggiunto pari a 15,2 miliardi di euro. Tenendo in considerazione l’indotto(1,3 miliardi di euro), il peso di queste attività sul risultato complessivo nazionale è pari all’1,1%. Il valore aggiunto generato dall’economia non osservata deriva per il 47,9% dalla componente relativa all’attività sotto-dichiarata dagli operatori economici. La restante parte è attribuibile per il 34,7% al valore aggiunto prodotto dal lavoro irregolare, per il 9,4% alle altre componenti(fitti in nero, mance e integrazione domanda-offerta) e per l’8% alle attività illegali. I lavoratori irregolari sono stati 3,487 milioni, circa il 15% del totale dei lavoratori. I settori in cui è maggiore il tasso di irregolarità sono i servizi alla persona(45%), agricoltura(17,6%), Commercio, trasporti, ristorazione, alloggio(15,6%) e costruzioni(15,4%).

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Il parcheggio abbandonato dal Comune di Napoli

L’amministrazione del degrado di De Magistris

CheBanca! non funziona

CheBanca! con problemi tecnici

Voragine in via Masoni

Inps: 3,3 milioni di lavoratori pubblici nel 2018