La guerra ai poveri di Matteo Renzi

Il decreto ministeriale sulla appropriatezza prescrittiva dei medici di medicina generale è diventato legge. L'ennesima "mazzata" del governo Renzi al ceto medio-basso.

Matteo Renzi

Da alcuni giorni i cittadini italiani stanno ricevendo una brutta sorpresa dal proprio medico di base. Il motivo? Il Decreto ministeriale 9 dicembre 2015 è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 20 gennaio 2016. A molti questa notizia dirà poco o nulla.

Il decreto è quello che individua le condizioni di erogabilità e le indicazioni di appropriatezza prescrittiva per 203 prestazioni di assistenza specialistica ambulatoriale erogabili nell’ambito del Servizio sanitario nazionale. La norma prevede la possibilità per i camici bianchi, di prescrivere alcuni esami importanti, solo in determinate condizioni, al di fuori delle quali, il cittadino deve pagarsi gli esami di tasca propria e i medici non possono prescriverli a carico del sistema sanitario, pena una sanzione pecuniaria a loro carico. Questa è una delle rivoluzione copernicane fatto da Matteo Renzi. Tra gli esami limitati da “criteri” precisi ci sono: esami di laboratorio, dermatologia allergologica, estrazioni e ricostruzione di denti, odontoiatra, genetica, risonanze magnetiche, radiologia diagnostica, medicina nucleare e esami del colestorolo. Quest’ultimo potrà essere prescritto ogni 5 anni.

I cittadini dunque, non potranno più curarsi pagando solo il ticket, ma dovranno sostenere di tasca propria i costi per visite di routine ed esami che riguardano la prevenzione di importanti patologie come il cancro. E’ un’altra mazzata per il ceto medio-basso. Una guerra ai poveri in pratica. Lo scorso dicembre il Censis ha pubblicato un rapporto in cui si evince che 7 milioni di italiani si sono indebiati per pagare le cure mediche. Il numero è destinato a crescere grazie al governo Renzi. Ma torniamo alla stretta sugli esami con un esempio. L’esame del sangue dell’azotemia è diventato a pagamento per quasi tutti, gli unici esclusi sono i pazienti in dialasi. Sembra una cosa da niente, ma non lo è. Il controllo dell’azotemia viene fatto ogni settimana quando una persona fa un ciclo di chemioterapia(a pillole) e/o radioterapia. Questo tipo di esame serve anche per fare una risonanza magnetica o una TAC con mezzo di contrasto. Ogni volta bisogna sborsare 4 euro extra grazie al premier fuffatore Renzi.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Pernigotti chiude fabbrica di Novi Ligure

Lungomare di Napoli in stato pietoso

Perché il governo Conte ha detto no al prestito BEI?

Migranti aggrediscono troupe Rai

Il caso della stazione Hirpinia dell’Alta Velocità Napoli-Bari

Eurostat: 10% più ricchi ha 24,4% reddito complessivo italiano