Ryanair taglia rotte per caro tasse

La compagnia low-cost si scaglia contro l'aumento delle tasse aeroportuali. A rischio 600 posti di lavoro.

RyanairRyanair chiuderà da ottobre le basi di Alghero e Pescara, taglierà alcune rotte e chiuderà tutti i voli di Crotone. Ad annunciarla la stessa compagnia low cost irlandese. Il motivo? L’illogica decisione del governo Renzi di aumentare le tasse aeroportuali.

Nella conferenza stampa, si è spiegato che saranno chiuse 16 rotte e che si perderanno 800 mila clienti e saranno tagliati 600 posti di lavoro. David O’Brien, direttore commerciale della Ryanair, ha dichiarato: “Il governo italiano ha aumentato le tasse del 40% da 6 a 9 euro, per ogni passeggero in partenza dall’Italia dal 1°gennaio”. Da qui la decisione di spostare aerei e posti di lavoro fuori Italia. L’aumento della tassazione serve per per gonfiare il fondo per la cassa integrazione degli ex piloti Alitalia. O'Brien ha affermato: “La Ryanair non intende finanziare l’Alitalia dovrebbe avere qualcuno ad Abu Dhabi a finanziare questo fondo, non certo noi”.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

L’amministrazione del degrado di De Magistris

Regione Campania non approva convenzione. Navigator senza lavoro

Cgia: Consumi famiglie tagliati di 21,5 miliardi

Il caso ex Ilva di Taranto

Tariffe votive anno 2019 Comune di Napoli

La caduta del muro di Berlino