Terrorismo colpisce Bruxelles

Devastata la sala del check in di American Airlines dello scalo di Zaventem. Colpite anche le stazioni della metropolitana Maelbeek e Schuman.

Terrorismo colpisce BruxellesSono almeno 13 i morti nelle due esplosioni che si sono verificate alle partenze dell’aeroporto “Zaventem” di Bruxelles, vicino al banco dell’American Airlines, nell’area check in verso gli Stati Uniti. I feriti sono invece 35. Fonti governative, citate da un sito fiammingo, parlano di un attentato suicida. Media locali parlano di urla in arabo sentite prima delle esplosioni.

Evacuato lo scalo e sospeso il traffico ferroviario verso l’aeroporto. Voli deviati su Charleroi e Liegi. L’aeroporto di Bruxelles ha lanciato su Twitter un numero che i familiari di passeggeri presenti allo scalo possono chiamare. Il numero è 0032 2 753 73 00. Dopo le esplosioni all’aeroporto, due nuove esplosioni si sono verificate prima nella stazione di Maalbeek, la più vicina ai palazzi delle istituzioni europee, a due passi dalla Commissione UE, e poi nella stazione Schuman, anche questa vicina dai palazzi dell’UE. Anche qui il bilancio è pesante: almeno 15 morti, 55 i feriti(10 in condizioni gravi). Un assedio che segue di tre giorni l’arresto di Salah Abdeslam, il principale ricercato per gli attentati di Parigi del 13 novembre. Il governo belga ha convocato un Consiglio di Sicurezza nazionale. L’allarme è stato innalzato al livello massimo di 4 in tutto il Belgio. E’ lo stesso livello deciso dopo le stragi di Parigi, quando Bruxelles rimase paralizzata per giorni. Chiusi i musei, la stazione centrale e le stazioni della metro di Bruxelles. La Commissione UE ha chiesto ai funzionari di non uscire di casa o dagli uffici. Media locali parlano del ritrovamento di bombe inesplose.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Sgomberato Baobab di Roma

La fake news di Manfellotto sui contributi UE

Birra Napoli si produce a Roma

Avvertimento al giornalista Federico Ruffo

De Magistris arruola uno scarto del M5S e svela cura contro depressione

La beneficenza per l’Africa subsahariana finisce in Francia