MediaWorld taglia posti di lavoro a Casoria?

Il gruppo Mediamarket annuncia altri 370 esuberi in tutta Italia. A rischio anche i lavoratori del punto vendita di Casoria.

MediaWorld CasoriaNon c’è pace per i lavoratori di MediaWorld, la catena nazionale specializzata nella vendita di elettrodomestici, telefoni e computer. Il gruppo Mediamarket ha comunicato ai sindacati 370 esuberi in tutta Italia.

La coincidenza vuole che l’ennesimo taglio arriva ad un anno di distanza dall’annuncio della chiusura di due store nel napoletano, quello di Nola e di via Arenaccia. C’è chi è pronto a scommettere che molti licenziamenti saranno concentrati in Campania, in particolare nel punto vendita di Casoria. Il negozio, 55 addetti, è ubicato sulla circumvallazione esterna(la strada degli americani) e sorge in un’area commerciale che ha subito una progressiva desertificazione dopo la chiusura di Carrefour(ex Euromercato). Senza lo storico ipermercato(fu aperto nel 1978), l’area commerciale assomiglia sempre di più a una zona morta e ciò non sta certo migliorando le vendite dell’attiguo negozio MediaWorld. La situazione è precipitata a poco più di un mese dalla scadenza dei contratti di solidarietà(giugno 2016), scaturiti l’anno scorso in alternativa alla procedura di licenziamento per circa 100 addetti campani. A rischio ci sono anche i lavoratori degli store di Pompei, Salerno, Benevento e Caserta. Intanto è stato proclamato lo sciopero per sabato 7 maggio 2016. “L’Italia riparte”, questo è quello che dice in continuazione il premier gelataio Matteo Renzi. La realtà è un’altra cosa.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Napoli: Forno crematorio in funzione entro fine anno

Serra è tornato in Italia con flat tax del PD

Cgia: Sud peggio della Grecia

Istat: Economia sommersa e illegale vale 209,8 miliardi

Italia con deficit oltre 2% da 10 anni

Il razzismo al contrario dell’Afro-Napoli