40 anni fa il terremoto in Friuli

Era il 6 maggio 1976: un violento sisma falcia 990 vite, lascia 45 mila senzatetto e 100 mila sfollati.

Terremoto in FriuliIl 6 maggio del 1976, intorno alle 21, il Friuli fu colpito da un terremoto che causò 990 vittime, più di 3 mila feriti e danni ingenti. Per quasi un interminabile minuto la terra impazzì, con un moto sussultorio che giunse ai 6,4 di magnitudo della scala Richter accompagnato da un boato continuo e assordante.

L ’Orcolat, la spaventosa creatura che nella tradizione popolare e nei racconti degli anziani rappresenta il terremoto, si era svegliato dopo lungo  sonno che durava dal 1924. La zona più colpita quella a nord di Udine, con epicentro macrosismico tra i comuni di Gemona e Artegna, nelle vicinanze della località Lessi, e epicentro strumentale fra Taipana e Lusevera. In 45.000 rimasero senza tetto, 100 mila gli sfollati. 18 mila case furono completamente distrutte e 75 mila rimasero danneggiate. Quel giorno, a quell’ora, un ragazzo di nome Mario Garlatti, residente a Udine, stava trasferendo dal giradischi a una cassetta la canzone dei Pink Floyd “Shine on your crazy diamond”(video). In quella cassetta restò impresso anche l’arrivo della scossa del terremoto. La ricostruzione venne definitivamente conclusa nel 2006. Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, a Gemona e Venzone, ha reso omaggio a due dei Paesi più colpiti dal terremoto e nel pomeriggio parteciperà alla seduta straordinaria del Consiglio regionale, a Udine, dove l’auditorium sarà intitolato ad Antonio Comelli, governatore ai tempi del sisma.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Sgomberato Baobab di Roma

La fake news di Manfellotto sui contributi UE

Birra Napoli si produce a Roma

De Magistris arruola uno scarto del M5S e svela cura contro depressione

Avvertimento al giornalista Federico Ruffo

La beneficenza per l’Africa subsahariana finisce in Francia