Deutsche Bank indagata a Trani

La vicenda riguarda la massiccia vendita, per 7 miliardi di euro circa, di titoli di Stato italiani avvenuta nel 2011.

Deutsche BankDeutsche Bank è indagata per manipolazione di mercato dalla procura di Trani. Coinvolti l’ex presidente della Banca, Josef Ackermann, gli ex Ad, Anshuman Jain e Jurgen Fitschen, l’ex capo Ufficio rischi, Hugo Banziger, e l'ex direttore finanziario, Stefan Krause. Nel mirino la vendita per circa 7 miliardi di titoli di Stato italiani avvenuta nel primo semestre del 2011.

Sequestrati atti e mail nella sede milanese dell’istituto tedesco. Ad essere ascoltato come testimone sarebbe stato il responsabile di Db Italia, Flavio Valeri, presidente e consigliere delegato del Consiglio di gestione di Deutsche Bank Italia, estraneo alle indagini in corso che riguardano esclusivamente le attività della sede tedesca della banca. Secondo i magistrati, la banca è accusata di manipolazione del mercato perché mentre comunicava ai mercati finanziari la sostenibilità del debito sovrano dell’Italia, nascondeva agli stessi mercati e al ministero dell’Economia italiano(Mef) la reale intenzione di ridurre drasticamente e nel brevissimo termine(nel primo semestre 2011) il possesso di titoli del debito italiano in portafoglio che a fine 2010 ammontava a otto miliardi di euro. Nello stesso periodo, Deutsche Bank acquistava 1,4 miliardi di Credit DefaultSwap(Cds): assicurazioni sul fallimento del nostro Paese. Cosa significa? Significa che se l’Italia fosse fallita, Deutsche Bank avrebbe incassato. Adusbef e Federconsumatori si costituiranno parte civile nell’eventuale processo per manipolazione del mercato.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

CheBanca! non funziona

Il parcheggio abbandonato dal Comune di Napoli

CheBanca! con problemi tecnici

L’amministrazione del degrado di De Magistris

Voragine in via Masoni

Inps: 3,3 milioni di lavoratori pubblici nel 2018