El Pais: Caschi blu trafficano in alimenti

Scandalo su un traffico di alimenti per 4 milioni di euro in Libano. Coinvolti caschi blu italiani.

Caschi bluCaschi blu dell’Unifil sono al centro di un traffico di prodotti alimentari in Libano. E’ quello che scrive la versione online di “El Pais”. Ci sono due inchieste in corso: da parte del ministero dell’Economia libanese e dell’Onu.

Per il quotidiano spagnolo, alimenti destinati alle truppe, e quindi non commerciabili, sono stati localizzati a numerose riprese in supermercati locali.  “Il Ghana(con 870 caschi blu) e l’Italia(con 1.206 soldati) sono i due battaglioni più attivi nella rivendita illegale”, scrive El Pais. La frode viene stimata dal quotidiano di Madrid di circa 4 milioni di euro in cinque anni. Unifil conferma l’esistenza di un’inchiesta interna su un presunto traffico di cibo destinato esclusivamente al contingente di stanza in Libano e finito invece nei supermercati locali. La forza militare di interposizione dell’Onu ha aggiunto: “Al momento, non ci sono ancora prove che possano confermare una sistematica operazione o ancor meno il coinvolgimento di alcuni contingenti”.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Sgomberato ex penicillina

Istat: PIL pro capite Sud metà di Nord

Cimiteri comunali di Napoli senza illuminazione

Centro di accoglienza migranti a Secondigliano

BCE conferma fine Quantitative easing

Contributi erogati alla stampa per l’anno 2017