FMI: Brexit pessima per economia

Il Fondo Monetario Internazionale parla di un futuro apocalittico in caso di uscita dall'UE della Gran Bretagna. Inizio il mese del terrore?

Christine LagardeIl 23 giugno 2016 si terrà il referendum sulla Brexit, in cui in Gran Bretagna i cittadini saranno chiamati a decidere se rimanere o uscire dall’Unione Europea. Il mese del terrore è già iniziato. I media e i burocrati in giacca e cravatta faranno di tutto per influenzare le masse, soprattutto i prolet.

“Le conseguenze di una uscita della Gran Bretagna dall’UE, la cosiddetta Brexit, andrebbero in una gamma da cattive a pessime”. Questo è quello che ha dichiarato Christine Lagarde(foto), direttore del Fondo Monetario Internazionale. Fra le conseguenze ci sarebbe il deprezzamento della sterlina, il calo degli investimenti, la volatilità dei mercati, con contraccolpi diretti sull’occupazione. La burocrate ha annunciato una analisi dettagliata dell’FMI entro il 17 giugno 2016, una settimana prima del referendum. Servirà a influenzare le masse? La Lagarde ha evitato di dare cifre esatte sull’impatto potenziale della Brexit sul PIL britannico, decisione che avrebbe vasti effetti internazionali. Ma chi ci crede. Perché nessuno dice quale futuro ci attende con l’UE dei vincoli e dei burocrati?

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Taglio accise carburanti provoca buco di 4 miliardi

Il cimitero islamico a Napoli

L’imprenditore che non trovava personale si lamenta dei lavori

BCE presenta nuove banconote da 100 e 200 euro

Il DDL per tagliare le pensioni d’oro

Debito pubblico Italia problema dal 1981