Come si vota alle elezioni amministrative 2016?

Tutte le informazioni sulla tornata elettorale per l'elezione diretta dei sindaci e dei consigli comunali.

Elezioni amministrative 2016E’ scattato a mezzanotte il silenzio elettorale in vista del voto per le amministrative. Alle urne, domani(5 giugno), 13.316.379 elettori, di cui 6.382.798 uomini e 6.933.581 donne. Si vota dalle 7 alle 23 in 1.372 Comuni, 25 capoluogo di Provincia. Le sfide cruciali a Roma, Milano, Napoli, Torino, Bologna, Cagliari e Trieste. Verranno eletti i primi sindaci di 10 nuovi comuni, istituiti a seguito di fusione in Piemonte, Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna. Ieri la chiusura della campagna elettorale in tutta Italia.

Le operazioni di scrutinio avranno inizio subito dopo la chiusura delle votazioni e l’accertamento del numero dei votanti. Poco dopo le 23 arriveranno anche gli exit-poll. L’eventuale turno di ballottaggio si svolgerà domenica 19 giugno. Come si vota? Nei Comuni fino a 15.000 abitanti si può tracciare un segno solo sul candidato sindaco, sulla lista collegata o anche su tutti e due: in ogni caso il voto sarà attribuito sia alla lista di candidati consiglieri che al candidato sindaco. E’ eletto sindaco chi ottiene il maggior numero di voti. Nei Comuni con più di 15.000 abitanti si può: tracciare un segno solo sul candidato sindaco, in questo caso il voto viene attribuito solo al candidato sindaco; tracciare un segno solo su una delle liste collegate al candidato sindaco o anche sul candidato sindaco collegato. In entrambi i casi il voto va a candidato sindaco e consiglieri.

Nei comuni con più di 15.000 abitanti si può anche esprimere voto disgiunto, tracciando un segno sul candidato sindaco ed un altro segno su una lista non collegata. E’ eletto sindaco al primo turno il candidato che ottiene la maggioranza assoluta dei voti validi(almeno il 50% più uno); qualora nessun candidato raggiunga tale soglia si tornerà a votare domenica 19 giugno per il ballottaggio tra i due candidati più votati. Cosa occorre per votare? L’elettore dovrà presentarsi al seggio con un documento di identità valido e la tessera elettorale. Chi non ha la tessera o l’ha smarrita può richiederla all’ufficio elettorale del Comune di residenza. Nelle Regioni a statuto ordinario e in Sardegna le modalità di espressione del voto cambiano in funzione della popolazione e dei Comuni.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Sgomberato Baobab di Roma

La fake news di Manfellotto sui contributi UE

De Magistris arruola uno scarto del M5S e svela cura contro depressione

Birra Napoli si produce a Roma

Avvertimento al giornalista Federico Ruffo

Alberi pericolanti nelle pinete del rione Monterosa