Il crollo peggiore della storia di Piazza Affari

Profondo rosso nel giorno della Brexit. Piazza Affari chiude con l'indice Ftse Mib in caduta del 12,48%. E' record negativo. Spread in risalita.

Crollo in BorsaL’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea ha colpito i mercati finanziari. L’indice Ftse Mib della Borsa di Milano ha perso il 12,48%. E’ il crollo peggiore della storia di Piazza Affari. Mandati in fumo quasi 61 miliardi di euro.

Il precedente record negativo, -8,24%, risale al 6 ottobre 2008, in piena crisi finanziaria dopo il crac di Lehman Brothers. Il differenziale Btp-Bund è salito a 161 punti. Lo spread aveva aperto a 130,2 punti. Il rendimento del decennale italiano è all’1,55%. La risalita dello spread italiano è dovuto al calo dei Bund tedeschi, tornati nuovamente in negativo. Profondo rosso anche per le altre Borse europee: tonfo per Madrid -12,35% e Atene -13,4%, Parigi -8,04%, Francoforte -6,82%. Decisamente più contenuta la perdita a Londra -3,15%, nell’epicentro del terremoto Brexit. La sterlina perde oltre il 10% sul dollaro, ai minimi da 31 anni. Il prezzo del petrolio affonda a 47,54 dollari, in calo del -5.13%.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

L’amministrazione del degrado di De Magistris

La caduta del muro di Berlino

Il caso ex Ilva di Taranto

Tariffe votive anno 2019 Comune di Napoli

Voragine in via Masoni

Istat: Disoccupazione settembre al 9,9%