Gran Bretagna: Petizione per referendum contro Brexit

Un gruppo di parlamentari britannici ha lanciato una petizione per un referendum contro il Brexit. Fine della democrazia?

BrexitLa vittoria del Brexit ha mandato in tilt i media filo europeisti. Gli “illustri” giornalai(ops giornalisti) italiani hanno deriso per tutta la giornata i cittadini delle periferie, anziani e contadini, ovvero coloro che avrebbero votato “Leave” secondo i sondaggi. Qualche altra “mente geniale” ha proposto addirittura l’abolizione della suffragio universale, ovvero il perno della democrazia.

Roberto Saviano, lo scrivano dei poteri forti, tira in ballo fascismo e nazismo per commentare la vittoria del “Leave”. Vorrei ricordare all’illustre scrittore, che il “cosiddetto” popolo compra anche i suoi inutili libri. Ma torniamo al Brexit. Nel Regno Unito regna il caos all’indomani del referendum: Scozia e Irlanda del Nord chiedono l’indipendenza per restare nell’UE, mentre un gruppo di parlamentari britannici ha lanciato una petizione per indire un nuovo referendum contro la Brexit. Sono state già raccolte più di 100 mila firme, il che significa che potrà essere presentata in Parlamento. Ma non finisce qui. Change.org ha rivolto un appello al sindaco di Londra Sadiq Khan, per una secessione della capitale britannica, dove i sostenitori di “Remain” sono stati la maggioranza del Regno Unito. Una domanda sorge spontanea: la democrazia non conta più? Un nuovo referendum sarebbe più dannoso dell’uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea. Significherebbe che le urne sono “sacre” solo quando vince ciò che vogliono i poteri forti e i media.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Antitrust multa banche delle case automobilistiche

De Magistris: Siamo ormai nella storia di Napoli

L’immigrato pazzo nel Vasto

Tre imprese individuali su 5 superano 5 anni di vita

Lite tra extracomunitari a Mergellina