Scontro tra treni in Puglia. Chi sono i responsabili?

L'incidente tra Andria e Corato in piena campagna su un tratto a binario unico. Almeno 20 i morti.

Incidente ferroviario in PugliaVittime e decine di feriti in un incidente frontale fra due treni regionali nel Nord barese, sulla tratta Corato-Andria. Ancora da accertare le cause dell’incidente, ma si ipotizza un errore umano. Per i media locali ci sarebbero almeno 20 vittime. 30 i feriti, 4 molto gravi, ma si temono altri corpi intrappolati.

A scontrarsi in piena campagna due treni regionali di pendolari e studenti che percorrono la linea interna a binario unico da Bari a Barletta. I convogli erano pieni. I due treni, composti da quattro carrozze, si sono scontrati su un rettilineo in cui normalmente viaggiano ad alta velocità. I primi due vagoni si sono letteralmente sbriciolati. Non sono mancati i commenti strappalacrime dei politici italiani. Matteo Renzi, informato dell’accaduto mentre interveniva al Museo delle Scienze di Milano e immediatamente rientrato a Roma. In serata sarà in Puglia. Il premier italiano ha dichiarato: “Adesso è il momento delle lacrime, ma saranno accertate le cause di questa tragedia: non ci fermeremo fino a quando non avremo chiarito i fatti e le responsabilità dell'incidente”.

Non è la prima volta che sento un discorso del genere dopo un incidente ferroviario. La verità è che i principali responsabili di questa tragedia sono proprio politici, che continuano a sprecare risorse in opere inutili invece di utilizzarli per migliorare la linea ferroviaria nel Sud Italia. E’ normale che nel ventunesimo secolo ci siano ancora tratti a singolo binario? Miliardi di euro buttati per l’inutile TAV Torino-Lione e nessuno investimento per le pericolosissime tratte ferroviarie presenti in Sicilia, Calabria, Basilicata e Puglia. E’ inutile girarci intorno, questa è una strage di stato. Dall’inizio del 2009 ad oggi sulla rete ferroviaria italiana ci sono stati almeno 120 incidenti, sono morte 74 persone e rimaste ferite altre 256.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

CheBanca! non funziona

Il parcheggio abbandonato dal Comune di Napoli

CheBanca! con problemi tecnici

L’amministrazione del degrado di De Magistris

Voragine in via Masoni

Inps: 3,3 milioni di lavoratori pubblici nel 2018