Cgia: Rifiuti costano 8,8 miliardi di euro l’anno

Secondo la Cgia di Mestre sono stati gli esercizi commerciali a sopportare il peso maggiore degli aumenti. Per le famiglie la crescita è stata più contenuta.

RifiutiTra il 2010 e il 2016 i negozi di frutta, i bar e i ristoranti hanno subito un aumento della tariffa per l’asporto dei rifiuti oscillante tra il 30 e il 50%. Per le famiglie, invece, la crescita è stata mediamente più contenuta. Per un nucleo con 2 componenti l’incremento è stato del 33,7%, con 3 del 36,2% e con 4 del 32,6%. E’ quanto emerge da un rapporto della Cgia di Mestre.

Negli ultimi anni, tante le novità che hanno riguardato il prelievo dei rifiuti: si è passati dalla Tarsu alla Tia, alla Tares e alla Tari. La produzione dei rifiuti ha subito una contrazione di 2,8 milioni di tonnellate tra il 2007 e il 2014, mentre l’incidenza della raccolta differenziata è aumentata del 64,4% nello stesso periodo di riferimento. Nonostante ciò, le famiglie e le aziende sono state costrette a pagare di più, nonostante la qualità del servizio non abbia registrato alcun miglioramento. Il costo dell’asporto rifiuti, purtroppo, ha assunto dimensioni molto preoccupanti: l’ultimo dato disponibile ci dice che le famiglie e le imprese italiane pagano quasi 8,8 miliardi di euro l’anno. Paolo Zabeo, coordinatore della Cgia, ha dichiarato: “Fintantoché non arriveremo alla definizione dei costi standard possiamo affermare con buona approssimazione che con il pagamento della bolletta non copriamo solo i costi di raccolta e di smaltimento dei rifiuti, ma anche le inefficienze e gli sprechi del sistema”. Secondo l’Antitrust tra le oltre 10.000 società controllate o partecipate dagli enti locali che forniscono servizi pubblici, tra cui anche la raccolta dei rifiuti, circa il 30% sono stabilmente in perdita. Una mala gestio che la politica non è ancora riuscita a risolvere.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Alitalia salvata con soldi pubblici

Lo strano caso di Erika Marcato

La guerra alle armi di Save the Children

De Magistris vuole referendum per autonomia di Napoli

Bankitalia: Debito pubblico a 2.316,7 miliardi

Migrante muore nella baraccopoli di San Ferdinando