Vittime terremoto salgono a 290. Mancata prevenzione è costata 200 miliardi

Sono 290 le vittime del terremoto nel Centro Italia. La mancata prevenzione è costata 200 miliardi. La raccolta fondi supera i 6 milioni di euro.

Terremoto Centro ItaliaContinua a salire il bilancio delle vittime del terremoto che ha investito il Centro Italia. Il bilancio ufficiale, confermato dal Dipartimento della Protezione Civile, è ora di 290 morti, dopo il rinvenimento di altri 6 corpi ad Amatrice, nel Reatino, dove le vittime complessive sono dunque 230.

“La mancata prevenzione del rischio sismico è costata all’Italia dal dopoguerra a oggi quasi 200 miliardi e un numero impressionante di vittime”. E’ quello che ha dichiarato il consigliere nazionale dei geologi Paolo Spagna. Il 60% del patrimonio edilizio italiano è stato realizzato prima della legge 64/74 che ha introdotto le norme tecniche per la costruzione in aree sismiche. Per adeguarli alle norme antisismiche ci vorrebbero 350 miliardi di euro, pura utopia con i vincoli europei. Secondo un rapporto del centro studi del Consiglio nazionali dei Geologi(Cng) e del Cresme, il 40% della popolazione italiana risiede in zone a elevato rischio sismico. Circa il 62% degli edifici scolastici sono stati costruiti prima del 1974. Intanto proseguono a gonfie vele le donazioni destinate alle regioni colpite dal terremoto del Centro Italia. Quasi 4 milioni di euro raccolti in 24 ore: ieri la raccolta via sms segnava 2 milioni e mezzo di euro, oggi siamo a 6.120.296 euro. Il numero tramite il quale si possono inviare contributi è il 45500 attivato dal Dipartimento della Protezione Civile. Con un sms si donano 2 euro, ma c’è la possibilità di aumentare l’offerta con la telefonata aperta allo stesso numero.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Comune Napoli affida a Citelum gestione luci votive

La Vela verde non è stata demolita

La propaganda di De Magistris sui lavoratori Whirlpool

La bomba ambientale nell’ex ICM di via nuova delle Brecce

In vigore dazi Stati Uniti contro UE

Il lago di munnezza a Scampia