Napoli: Giardini della principessa Iolanda sommersi dai rifiuti

Una distesa di rifiuti, enorme, inaccettabile, occupa la fascia più interna dei giardini della principessa Iolanda a Capodimonte. Perchè il Comune di Napoli non interviene?

Scalinata della principessa IolandaLa scalinata della principessa Iolanda(foto di repertorio) a Capodimonte è un ponte culturale che collega le Catacombe di San Gennaro con la Reggia e il Museo di Capodimonte. E’ un percorso quasi obbligato per i turisti che visitano Napoli, ma stranamente l’opera non viene salvaguardata e valorizzata dal Comune.

I giardinetti della principessa Iolanda, dopo un’iniziale opera di recupero nel 2011, sono trascurati e abbandonati. Ho scoperto questo scempio il 30 dicembre 2013(foto 2). Nella parte più interna c’era una distesa di Giardini della principessa Iolanda nel 2013rifiuti che faceva sembrare la zona ad una mini discarica a cielo aperto. Come stanno le cose a quasi 3 anni di distanza? La situazione non è migliorata, anzi c’è stato un ulteriore peggioramento. L’immondizia è aumentata ed è arrivata quasi vicino alle scale monumentali, come si può notare dalla foto 3 scattata da Alfredo Di Domenico(meglio conosciuto come Bukaman). Il supereroe ha dichiarato: “E’ uno spettacolo orrendo Giardini della principessa Iolanda nel 2016l’immondizia è ben visibile dal passaggio pedonale ed è lì da anni. Una cosa vergognosa, per noi napoletani e per i tanti visitatori che magari intendano raggiungere a piedi la pinacoteca”. Non si può che dar ragione a Bukaman. Lo spettacolo è a dir poco indecoroso, soprattutto per una città che ha puntato tutto sul turismo. Quei rifiuti giacciono lì da chissà quanto, nell’incuria generale. Il Comune aspetta che un privato adotti la zona?

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

De Magistris arruola uno scarto del M5S e svela cura contro depressione

La fake news di Manfellotto sui contributi UE

Alberi pericolanti nelle pinete del rione Monterosa

Avvertimento al giornalista Federico Ruffo

Birra Napoli si produce a Roma

I nuovi autobus ANM a Napoli