Laura Castelli: I deputati PD versano un mutuo al partito

Laura Castelli(M5S) torna sui motivi dell'insabbiamento della proposta di legge per il taglio dello stipendio dei parlamentari. La risposta di Elisabetta Gualmini lascia stupefatti. Guarda il video.

Elisabetta Gualmini e Laura CastelliNegli ultimi giorni è tornato di moda la “guerra” per il taglio degli stipendi dei parlamentari. Tutta colpa di un DDL presentato dal Movimento 5 Stelle che avrebbe fatto risparmiare agli italiani 47.280.240 euro all’anno. Il Partito Democratico di Matteo Renzi ha affossato la proposta. Il motivo? Non si sa.

La questione è arrivata anche a “La Gabbia Open”, il programma di La 7 condotto da Gianluigi Paragone. Laura Castelli, deputata del Movimento 5 Stelle, ha dichiarato: “I deputati PD versano un mutuo al partito, pagano anche per essere messi in lista. Ogni mese i deputati del PD devono versare dai 2 mila ai 4 mila euro al partito”. Questa affermazione non è falsa. Il primo a dare questa notizia fu Ivan Scalfarotto nella puntata di “Agorà” del 2 luglio 2013. Il deputato voleva deridere Massimo Artini(M5S) sul “restitution day”, ma fece un clamoroso autogol.

Sulla questione “tagli” è intervenuta anche la “fatina” Elisabetta Gualmini, vicepresidente della Regione Emilia Romagna. La tipa del PD si era già fatta notare qualche settimana fa per la bufala dell’emergenza migranti pagata dall’Unione Europea e non ha voluto essere da meno nemmeno in quest’occasione. La Gualmini ha detto: “Abbiamo fatto un taglio ai costi della politica nella riforma costituzionale, ora non aveva senso votare proposta di legge del M5S”. E’ una mezza bufala, visto che i deputati continueranno a prendere 13.624 euro al mese anche in caso di vittoria del Sì. Ricordatevelo quando andrete a votare il 4 dicembre.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Il modello di integrazione di De Magistris

Maxi operazione contro IPTV illegali

Renzi lascia il PD

Bankitalia: Debito pubblico a 2.409,9 miliardi. E’ record

Italia Viva è copyright De Luca

L’incendio nel campo Rom di Scampia