Luca Abete aggredito dalla scorta del ministro Giannini

L’inviato di Striscia la Notizia è stato bloccato mentre tentava di avvicinare il ministro dell'Istruzione Stefania Giannini. Guarda il video.

Luca Abete aggredito ad AvellinoBrutta avventura per Luca Abete ad Avellino. L’inviato di “Striscia la Notizia” e la sua troupe sono stati aggrediti dalla scorta del ministro dell’Istruzione Stefania Giannini. Cosa hanno fatto? Nulla di grave.

Abete ha tentato di avvicinare l’esponente del governo Renzi all’uscita dal Convitto “Pietro Colletta”. Il motivo? L’inviato della storica trasmissione di Canale 5 voleva consegnare la famosissima “pigna” alla Giannini per le carenze strutturali in alcuni edifici scolastici della Campania. Il ministro si trovava nel capoluogo campano per un convegno. L’inviato di Striscia e la sua troupe sono stati portati anche in Questura per alcuni controlli. Abete ha dichiarato: “Sono stato malmenato e trattato come un delinquente. Quando viene arrestato un camorrista le forze dell’ordine sono molto meno violente”. L’inviato di Striscia ha invitato la gente a condividere il video postato sulla sua pagina Facebook. Dalle immagine si noto chiaramente che un uomo molla uno schiaffo al povero Abete. Maltrattare l’inviato di un network televisivo per non farlo avvicinare ad un ministro del governo è follia pura. Quando non si accetta il confronto con i media, allora siamo di fronte ad una dittatura. Il clima generato dai renziani è simile  a quello della Corea del Nord.

VI PREGO... per AMORE della VERITÀ, condividete questo VIDEO! Tutti devono sapere cosa è successo ieri sera ad Avellino. Lunedì poi... vi mostreremo il resto a Striscia! Grazie di cuore! #noncifermanessuno

Pubblicato da Luca Abete - official page su Sabato 15 ottobre 2016

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Sgomberato Baobab di Roma

La fake news di Manfellotto sui contributi UE

De Magistris arruola uno scarto del M5S e svela cura contro depressione

Birra Napoli si produce a Roma

Avvertimento al giornalista Federico Ruffo

Alberi pericolanti nelle pinete del rione Monterosa