Facebook introduce strumento contro bufale

Facebook prende atto che sulla propria piattaforma circolano troppe notizie false e presenta un sistema per ridurne la diffusione di bufale.

Facebook introduce strumento contro bufaleUno strumento per segnalare le notizie false che appaiono sul web. A offrirlo ai suoi utenti è Facebook. Adam Mosseri, che sovrintende tutta la squadra che cura il News Feed del social network, ha spiegato in un lungo post le nuove soluzioni che l’azienda sta testando per risolvere il problema.

L’annuncio arriva dopo gli attacchi al social network che non ha combattuto gli “hoax” che, secondo i sostenitori di Hillary Clinton, avrebbero favorito la vittoria di Donald Trump alle presidenziali. Mosseri ha dichiarato: “Crediamo nel dare alle persone una voce e riteniamo di non poter essere noi stessi gli arbitri della verità, quindi ci stiamo approcciando a questo problema concentrandoci sulle palesi bufale diffuse dagli spammer per il proprio guadagno personale”. Agli utenti basterà un click per fare il “fact-checking” ad una notizia. Sarà inserito, infatti, un pulsante che consentirà agli utenti di segnalare una notizia falsa. Le segnalazioni verranno poi elaborate da organizzazioni dedicate al fact-checking in linea con l’International Fact Checking Code of Principle stilato dal Poynter Institute. Se queste riterranno falsa una notizia, il post sarà segnalato come controverso e accompagnato da un articolo che spiega il perché. La notizia resterà comunque condivisibile, ma gli utenti saranno avvisati ogni volta che proveranno a farlo. Per il momento lo strumento anti bufale è solo in lingua inglese e ci vorrà più tempo perché il meccanismo riesca ad avere un impatto significativo sulla diffusione di notizie false in altre lingue, come l’italiano.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Sgomberato Baobab di Roma

Birra Napoli si produce a Roma

La fake news di Manfellotto sui contributi UE

Avvertimento al giornalista Federico Ruffo

De Magistris arruola uno scarto del M5S e svela cura contro depressione

La beneficenza per l’Africa subsahariana finisce in Francia