Incassi per 2,27 miliardi dal canone Rai in bolletta

Il sistema di addebito del canone RAI in bolletta sembra aver funzionato. L'Agenzia delle Entrate conferma un extra gettito di 300 milioni.

Incassi per 2,27 miliardi dal canone Rai in bollettaNel 2016 il canone Rai è stato inserito nella bolletta elettrica. L’operazione, voluta fortemente dal governo Renzi, è stato un successo. L’Agenzia delle Entrate stima al 31 dicembre 2016 un incasso complessivo di 2,27 miliardi di euro dal canone TV. L’ha comunicato la direttrice Rossella Orlandi lo scorso 21 dicembre durante l’audizione alla Commissione parlamentare di vigilanza sull’anagrafe tributaria.

Rispetto allo scorso anno, l’extra gettito sarà quindi di circa 300 milioni in più, nonostante il costo del canone sia stato ridotto di 13,50 euro, passando da 113,50 a 100 euro. Nelle previsioni iniziali della Rai l’incasso finale avrebbe dovuto attestarsi per l’azienda attorno a 1,86 miliardi di euro. Dirigenti Rai guadagnano in media 1.000 euro al giorno. E’ giusto mantenerli estorcendo denaro ai cittadini tramite la bolletta elettrica? Gerardo Greco(foto), autore e conduttore del programma di Rai 3 “Agorà”, si porta a casa 234.906 euro all’anno per raccontare frottole. Una follia. Quanti migranti potremmo mantenere con lo stipendio di Greco? Ma non finisce qui. Una quota di 100 milioni di euro all’anno confluirà nel Fondo per l’editoria. Dal portafoglio dei cittadini arriveranno quindi nuovi soldi per i giornali. Chi riceverà le sovvenzioni? Tra i beneficiari potranno esserci: cooperative giornalistiche, enti senza fini di lucro, giornali espressione delle minoranze linguistiche, periodici per non vedenti e per ipovedenti, associazioni dei consumatori e giornali in lingua italiana diffusi all’estero.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Migrante viene inquadrato dalla telecamera di Agorà

Il cimitero islamico a Napoli

Inps spende 426 milioni per assegni assistenziali agli stranieri

Taglio accise carburanti provoca buco di 4 miliardi

Crisi ANM colpisce periferia

L’imprenditore che non trovava personale si lamenta dei lavori