La rete rossa in via Don Bosco

Alla fermata dell’ANM 1.109 di via Don Bosco c'è una rete rossa da cinque mesi. Il Comune di Napoli non ha 30 euro per comprare due tubolari? Guarda il video.

La rete rossa in via Don BoscoLo scorso luglio Alfredo Di Domenico(noto come Bukaman) segnalava la “pericolosa” fermata ANM 1.109 di via Don Bosco. Chiunque passava in quel punto rischiava di cadere da un’altezza di 4 metri per l’assenza delle balaustre. Cosa ha fatto il Comune di Napoli?

Dopo il tam tam sui social e le segnalazioni alla Polizia Municipale e al PIS, gli uomini in giacca e cravatta dell’amministrazione comunale piazzarono la solita rete rossa. Questo accadeva il 29 luglio. Come stanno le cose a cinque mesi di distanza? La zona è stata messa in sicurezza in modo definitivo? Bukaman, è tornato sul posto per verificare lo stato delle cose e ha constatato che non è cambiato nulla. C’è sempre la rete rossa tanto cara al sindaco Luigi De Magistris. Il supereroe ha dichiarato: “Cinque mesi non sono bastati per recuperare due tubi di ferro e rimettere definitivamente in sicurezza il parapetto di via Don Bosco. Stanno arrivando tanti turisti che portano ricchezza, vuoi vedere che non ci sono 30 euro per comprare due tubolari?”. Bastava mettere le luminarie natalizie e l’obbrobrio non si sarebbe notato più di tanto. Quelli del Comune di Napoli non hanno nemmeno fantasia.

Pubblicato da Alfredo Di Domenico su Mercoledì 28 dicembre 2016

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Il razzismo al contrario dell’Afro-Napoli

Napoli: Forno crematorio in funzione entro fine anno

Pivetti: Reddito di cittadinanza un’abominio sociale e morale

Cgia: Sud peggio della Grecia

Istat: Economia sommersa e illegale vale 209,8 miliardi

Vicenda Afro-Napoli diventa caso nazionale