L’estate fredda

Di Gianrico Carofiglio e pubblicato da Einaudi, "L'estate fredda" è un romanzo ambientato in uno dei periodi più bui della storia recente italiana, gli anni di piombo che hanno portato all'assassinio di Falcone e Borsellino.

L'estate freddaL’estate fredda” è un libro di Gianrico Carofiglio e pubblicato da Einaudi. L’autore è nato a Bari nel 1961. Magistrato dal 1986, ha lavorato come pretore a Prato, Pubblico Ministero a Foggia e come Sostituto procuratore alla Direzione distrettuale antimafia di Bari. È stato eletto senatore per il Partito Democratico nel 2008. “L’estate fredda” arriva in libreria nel 2016 ed è la dodicesima opera dello scrittore-magistrato barese.

Ambientato al tempo delle stragi di Palermo del 1992, “L’estate fredda” offre uno sguardo pauroso sulla natura umana, ma ci regala anche un protagonista di straordinaria, commovente dignità. E, alla fine, un inatteso bagliore di speranza. Siamo all’inizio degli anni ‘90 del secolo scorso, in un’Italia che appare quasi “geneticamente” diversa da quella odierna, in un mondo non ancora trasformato dalla rivoluzione tecnologica. II figlio di un capo clan viene rapito. Nessuno ne denuncia la scomparsa, eppure tutti sono a conoscenza del fatto. Il padre è sicuro di poter risolvere le cose da solo. Non sarà così. Chiamato a indagare, il maresciallo dei carabinieri Pietro Fenoglio, piemontese trapiantato al Sud, si imbatterà in una vicenda fosca e miserabile. Sullo sfondo, gli oscuri rituali di una mafia crudele e finora mai raccontata.

Una storia dal ritmo perfetto in cui Gianrico Carofiglio combina fatti realmente accaduti, personaggi memorabili, travolgente invenzione narrativa. Stavolta la trama abbandona la giurisprudenza e le aule di tribunale e ci apre le porte di una caserma dei carabinieri di Bari, dove troviamo il maresciallo Fenoglio, uomo di grandi principi e dignità, di intelligenza vivace e profonde riflessioni filosofiche. Un uomo ferito nella sfera sentimentale e sempre alla ricerca della “giusta misura”. Il contesto in cui il romanzo è ambientato coglie l’occasione di ricordare tragici avvenimenti del passato. Conclusioni? “L’estate fredda” è una storia pacata sommessa ma avvincente, che scorre leggera e piacevole come musica, piena di umanità e di personaggi tutti che interessano. Nel romanzo non ci sono linee nette di divisione tra buoni e cattivi, un po’ tutti abitano in una zona grigia, dove per andare avanti si viene a patti con regole e gli schemi sono continuamente infranti, ma è in questo mondo imperfetto che dobbiamo cercare la giustizia possibile.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Il razzismo al contrario dell’Afro-Napoli

Pivetti: Reddito di cittadinanza un’abominio sociale e morale

Afro-Napoli ha svincolato tutte le calciatrici

La tariffa unica per l’assicurazione RC auto

Muro del bosco di Capodimonte a rischio crollo

Moody’s taglia rating Italia a Baa3