Istat: Aumenti retribuzioni al minimo storico

La variazione è la più bassa registrata dall'inizio delle rilevazioni Istat. I dipendenti della PA attendono un rinnovo dalla fine del 2009.

Aumenti retribuzioni al minimo storicoNel 2016 le retribuzioni contrattuali orarie dei lavoratori italiani sono aumentate dello 0,6%. Si tratta dell’aumento più basso mai registrato dall’inizio delle serie storiche, cioè dal 1982. Lo comunica l’Istat.

L’Istituto di statistica sottolinea che a dicembre l’indice è rimasto invariato rispetto al precedente mese di novembre ed è cresciuto dello 0,4% su base tendenziale. Sempre su base annua, le retribuzioni sono cresciute dello 0,5% per i lavoratori del settore privato, mentre la crescita è nulla per i lavoratori della Pubblica amministrazione. Nel mese di dicembre la quota di dipendenti in attesa di rinnovo per l’insieme dell’economia è pari al 50,5%, in diminuzione rispetto al mese precedente(68%). I mesi di attesa per i lavoratori con il contratto scaduto sono in media 53,7, in diminuzione rispetto allo stesso mese del 2015(56,4%).

L’attesa media calcolata sul totale dei dipendenti è di 27,1 mesi, in crescita rispetto a un anno prima (22,0). Con riferimento al solo settore privato la quota dei dipendenti in attesa di rinnovo è pari al 36,1%, in diminuzione rispetto al mese precedente(58,7%) e in aumento rispetto a dicembre 2015(21,3%); i mesi di attesa per i dipendenti con il contratto scaduto sono 29,1, mentre l’attesa media è di 10,5 mesi considerando l’insieme dei dipendenti del settore. Per la pubblica amministrazione tutti i dipendenti risultano con il contratto scaduto dalla fine del 2009, pertanto i mesi di vacanza contrattuale sono pari a 84,0.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Concorso per Vigili Urbani del Comune di Napoli

Maxi operazione contro IPTV illegali

Renzi lascia il PD

BCE lancia Quantitative easing da 20 miliardi al mese

Confindustria propone tassa sul contante

La guerra che fa salire il prezzo del petrolio