Rischio demenza aumenta con smog

L'esposizione a smog e agenti inquinanti aumenta sensibilmente il rischio di demenza. Lo afferma una ricerca pubblicata sulla rivista "Lancet".

Vivere vicino a strade e autostrade aumenta rischio demenzaChi vive vicino a strade trafficate ha un rischio maggiore di sviluppare demenza a causa dell’inquinamento. Lo afferma uno studio pubblicato dalla rivista “Lancet”, secondo cui chi sta a meno di 50 metri da vie ad alto scorrimento ha un rischio del 7% maggiore rispetto a chi vive a più di 300.

L’Alzheimer è la forma più comune di demenza degenerativa progressivamente invalidante con esordio prevalentemente in età presenile(oltre i 65 anni, ma può manifestarsi anche in epoca precedente). Nel 2006 vi erano 26,6 milioni di malati in tutto il mondo e si stima che ne sarà affetta 1 persona su 85 a livello mondiale entro il 2050. Ray Copes, uno degli autori dello studio, ha dichiarato: “Gli inquinanti entrano nel flusso sanguigno e provocano infiammazioni legate a problemi cardiovascolari e a diabete”. I ricercatori hanno analizzato i dati di oltre 6,5 milioni di residenti tra i 20 e gli 85 anni, trovando oltre 243 mila casi tra il 2001 e il 2012. La vicinanza alle strade è stata stabilita attraverso il codice di avviamento postale. Il rischio è risultato più alto del 4% per chi vive tra 50 e 100 metri dalle strade trafficate e del 2% tra 100 e 200, per poi annullarsi. Lo studio non ha invece rilevato relazioni con Parkinson e sclerosi multipla.

La ricerca conferma che lo smog legato al traffico è tra le cause di diversi problemi di salute, a partire da quelli respiratori. Ogni anno, afferma l’Organizzazione Mondiale della Sanità(OMS), tre milioni di persone muoiono per cause correlate all’inquinamento outdoor, mentre secondo una stima del 2014 il 92% della popolazione mondiale vive in zone che non soddisfano le linee guida dell’organizzazione. Due ricerche pubblicate nel 2013 su “Lancet” hanno correlato l’esposizione agli inquinanti rispettivamente ai tumori del polmone e allo scompenso cardiaco. Nel primo caso si è visto che un aumento di 10 microgrammi delle polveri sottili è legato a un rischio maggiore del 22% di tumore, mentre nel secondo sono stati registrati aumenti di ricoveri e mortalità legati ai picchi di diversi inquinanti.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Alitalia salvata con soldi pubblici

La guerra alle armi di Save the Children

Lo strano caso di Erika Marcato

De Magistris vuole referendum per autonomia di Napoli

Bankitalia: Debito pubblico a 2.316,7 miliardi

Migrante muore nella baraccopoli di San Ferdinando