Napoli: Assenteismo in ospedale Loreto Mare

Blitz anti-assenteisti all'ospedale Loreto Mare. Indagati 94 dipendenti, di cui 55 sono agli arresti domiciliari per truffa e falsa attestazione di presenza.

Blitz dei Nas all'Ospedale Loreto MareBlitz anti assenteismo dei carabinieri del Nas nell’ospedale Loreto Mare di Napoli. Un neurologo, un ginecologo, 9 tecnici di radiologia, 18 infermieri professionali, 6 impiegati amministrativi, 9 tecnici manutentori e 11 operatori sociosanitari sono stati raggiunti da un’ordinanza di custodia cautelare ai domiciliari.

Un’indagine durata due anni. Da ore e ore di filmati e intercettazioni e oltre 500 servizi di osservazione e pedinamento sono emersi migliaia di episodi di assenteismo. Complessivamente sono 94 le persone indagate, molti per la strisciata plurima dei badge per far risultare presenti gli assenti. Truffa ai danni di Ente pubblico e falsa attestazione di presenza i reati contestati. 2 operatori socio sanitari firmavano fino a 20 cartellini. Documentato anche il caso di un medico, indagato, il quale mentre era in servizio prendeva il taxi e andava a giocare a tennis oppure a sbrigare faccende personali, come fare compere in gioielleria. Dai controlli è risultata anche l’assenza di dipendenti dell’Ufficio rilevazioni presenze e assenze, ovvero di coloro che avrebbero dovuto assicurare i controlli per il rispetto delle clausole contrattuali. Uno di loro andava a fare lo chef in una struttura alberghiera del nolano. Il governatore della Regione Campania, Vincenzo De Luca, ha dichiarato: “Saremo inflessibili contro chi non fa il proprio dovere. Della vicenda ho già parlato con il direttore generale dell’Asl”. I furbetti del cartellino sono una vera e propria piaga per la Sanità e per la Pubblica amministrazione.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Sgomberato Baobab di Roma

La fake news di Manfellotto sui contributi UE

Birra Napoli si produce a Roma

De Magistris arruola uno scarto del M5S e svela cura contro depressione

Avvertimento al giornalista Federico Ruffo

La beneficenza per l’Africa subsahariana finisce in Francia