Operaio licenziato dopo un trapianto fegato

Antonio Forchione è stato licenziato dalla Oerliken Graziano dopo essere rientrato in fabbrica sei mesi dopo un trapianto di fegato.

Oerlikon GrazianoLa “Oerlikon Graziano”, azienda metalmeccanica di Rivoli-Cascine Vica(Torino), ha licenziato un operaio rientrato in fabbrica otto mesi dopo un trapianto di fegato. L’azienda ha circa 700 dipendenti a Rivoli, oltre 1.500 in Italia. La Oerlikon Graziano è responsabile per lo sviluppo e la produzione di una vasta gamma di trasmissioni.

“Mi hanno visitato e dichiarato inabile, mi hanno costretto a 3 settimane di ferie, e lunedì è giunta la lettera di licenziamento”. Questo è quello che ha dichiarato Antonio Forchione, l’operaio 55enne che farà causa all’azienda per ottenere un risarcimento. Il motivo del licenziamento lo spiega Forchione: “Non posso più svolgere la mia mansione precedente, l’azienda non ha trovato nulla da farmi fare e mi ha mandato via”. Non è la prima volta che la Oerlikon Graziano finisce sotto i riflettori per comportamenti anti-sindacali. Qualche mese fa i dipendenti avevano contestato le pause collettive: nove minuti di interruzione del lavoro per utilizzare la toilette, fumare una sigaretta o bere un caffè.

FIM, FIOM e UILM hanno proclamato uno sciopero di 2 ore su tutti i turni. E’ il terzo caso simile dopo quello di 2 delegati FIOM nei siti di Bari e di Sommariva del Bosco, nel Cuneese. La vita di Forchione è cambiata circa un anno fa, quando i medici gli hanno diagnosticato un brutto male al fegato, causato probabilmente dal lavoro che svolgeva. Il trapianto gli ha salvato la vita. A gennaio, dopo sei mesi di mutua, avrebbe voluto rientrare, anche se i medici si erano raccomandati di evitare di respirare polveri e fumi vari. L’azienda gli ha suggerito di mettersi in ferie, poi è arrivato il licenziamento. La storia di Forchione dovrebbe far riflettere tutti gli operai. L’azienda sfrutta il lavoratore fino a togliergli la salute, poi quando diventa inabile gli dà il benservito. Questo è la sintesi del capitalismo estremo.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

L’amministrazione del degrado di De Magistris

Il parcheggio abbandonato dal Comune di Napoli

La caduta del muro di Berlino

Voragine in via Masoni

Il caso ex Ilva di Taranto

Tariffe votive anno 2019 Comune di Napoli