Napoli: Richiedenti asilo coinvolti nel traffico di moto rubate

Traffico di moto rubate o rapinate a Napoli spedite in Africa. Coinvolti due ghanesi. I migranti non dovevano servire per pagare le pensioni?

CarabinieriI migranti servono per occupare i posti di lavoro rifiutati dagli italiani e per pagare le pensioni. Questo è il ritornello che sentiamo spesso in televisione. Al momento sappiamo che l’emergenza migranti ci costa 4 miliari di euro all’anno e che i lavoratori stranieri fanno evaporare una parte della nostra ricchezza. Non bastasse ciò, alcuni sono “utili” per riempire i carceri italiani.

A Napoli si è verificato un nuovo caso di cronaca in cui sono coinvolti i migranti. I carabinieri del Nucleo Investigativo hanno scoperto un traffico di moto rubate tra il capoluogo campano e l’Africa. Sono stati arrestati due  ghanesi: un 32enne in Italia come richiedente asilo politico e  un 44enne con permesso di soggiorno per motivi Scooter rubatiumanitari. Le moto rubate o rapinate a Napoli venivano smontate e spedite in Africa, all’interno di container di rifiuti. Il prezzo stabilito dai ricettatori era un terzo di quello di mercato. I due ghanesi, è emerso dalle indagini, hanno gestito la ricettazione di moto e scooter rubati o rapinati nel capoluogo campano, tra novembre 2016 e lo scorso mese di marzo. I mezzi rubati venivano stoccati in un deposito di via Gianturco. I carabinieri hanno recuperato e sequestrato 33 motocicli che nei prossimi giorni verranno restituiti a proprietari.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Sgomberato Baobab di Roma

La fake news di Manfellotto sui contributi UE

Birra Napoli si produce a Roma

Avvertimento al giornalista Federico Ruffo

De Magistris arruola uno scarto del M5S e svela cura contro depressione

La beneficenza per l’Africa subsahariana finisce in Francia