Crediti deteriorati a livelli pre-crisi

Il flusso di crediti deteriorati torna ai livelli pre-crisi. Il tasso di deterioramento ha raggiunto il 2,3%.

Sportello bancarioForte calo dei crediti deteriorati che tornano ai livelli pre-crisi. Lo rilevano l’Associazione bancaria italiane(ABI) e Cerved nell’outlook sulle sofferenze delle imprese italiane. Nel dettaglio, il tasso di deterioramento ha raggiunto il 2,3% a fine 2016(era il 3,3% a fine 2015), scendendo al livello del 2008 e scostandosi decisamente dal picco negativo(6%) raggiunto nel corso delle recessioni del 2009 e 2013.

Migliora anche il tasso di ingresso in sofferenza per famiglie e imprese che tocca il 2,5% alla fine del 2016, un decimo percentuale in meno rispetto all’anno precedente. Il calo è atteso in accelerazione nel 2017-2018. I tassi di ingresso in sofferenza si sono mantenuti sui livelli dell’anno precedente nel Nord-Ovest(3,2%), si sono ridotti nel Nord-Est(dal 3% al 2,7%), l’area più sicura della Penisola, mentre sono aumentati nel Sud(dal 5,2% al 5,4%) e al Centro, raggiungendo un nuovo massimo(al 4,7%, dal 4,3%).

Previsione dei tassi di ingresso in sofferenza per dimensione di impresa

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Chef non trova lavapiatti per colpa del reddito di cittadinanza

Scampia tagliata fuori dal trasporto pubblico

CheBanca! con disservizi

Rimodulazione Vodafone da settembre 2019

Il business degli affidi

Sbarchi migranti in calo del 83,30%