Istat: In Italia cresce PIL e debito

Cresce il PIL e il debito pubblico in Italia. L'avanzo primario resta in positivo e cala la spesa per gli interessi. E' quanto emerge dal Rapporto Annuale 2017.

Una donna con i soldiNel 2016, il PIL dell’Italia in volume è cresciuto dello +0,9%, consolidando il processo di ripresa iniziato nel 2015. Non è l’unica cosa in crescita nel nostro Paese. Il debito pubblico è cresciuto di 45 miliardi di euro, pari a 0,6 punti in percentuale del PIL(dal 132% al 132,6%). Secondo le stime più recenti della Banca d’Italia, a fine 2016 il debito pubblico ha raggiunto i 2.218 miliardi di euro. E’ quanto emerge dal Rapporto Annuale 2017 pubblicato dall’Istat.

L’aumento del rapporto debito/PIL è ascrivibile alla spesa per il servizio del debito e all’incremento delle disponibilità liquide del Tesoro(aumentate di 4 decimi di punto di PIL, dal 2,2% al 2,6%), che hanno più che compensato l’avanzo primario di bilancio e i proventi delle privatizzazioni(un decimo di punto). La vita media residua del debito pubblico si è ulteriormente allungata, salendo da 7,1 anni di fine 2015 a 7,3 anni a fine 2017, livello massimo dalla metà del 2012. L’avanzo primario è aumentato di un decimo di punto rispetto al 2015, passando dall’1,4% all’1,5% del PIL(da 23,9 a 25,4 miliardi di euro), mentre la spesa per interessi si è ridotta di 1,8 miliardi, scendendo da 68 a poco più di 66 miliardi(dal 4,1% al 4,0% del PIL). Il lieve incremento dell’avanzo primario è derivato da un aumento delle entrate(+3,1 miliardi) superiore a quello della spesa primaria(+1,2 miliardi). Nel 2016 l’ammontare del sostegno a paesi appartenenti alla UEM è rimasto costante a 58,2 miliardi(3,5 punti percentuali di PIL). La pressione fiscale si è ridotta di quasi mezzo punto percentuale, passando dal 43,3% al 42,9%.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Il parcheggio abbandonato dal Comune di Napoli

L’amministrazione del degrado di De Magistris

CheBanca! non funziona

CheBanca! con problemi tecnici

Voragine in via Masoni

Inps: 3,3 milioni di lavoratori pubblici nel 2018