PC sotto attacco di hacker in 74 Paesi

Un massiccio attacco informatico ha colpito numerose organizzazioni e aziende in diversi Paesi. Il ransomware minaccia di rendere inaccessibili i file sul computer.

RansomwareUn massiccio attacco informatico ransomware ha colpito aziende e organizzazioni in 74 Paesi. Nei computer presi di mira appare un messaggio che chiede un riscatto in bitcoin. Particolarmente colpita la Gran Bretagna, dove sono stati infettati i sistemi informatici di vari ospedali. Presa di mira anche la Russia, la Renault in Francia e la rete ferroviaria in Germania.

Secondo esperti citati dal “New York Times”, si tratta di un virus che sfrutta vulnerabilità informatiche scoperte e sviluppate dalla National Security Agency(NSA) che nel 2013 è stata al centro dello scandalo Snowden. “L’attacco informatico globale avvenuto ieri(12 maggio) è di un livello senza precedenti e richiederà un’indagine internazionale complessa per identificarne i responsabili”. Lo scrive Europol in un comunicato. Sono stati oltre 45 mila gli attacchi informatici messi a segno ieri in almeno 100 Paesi. “In Italia non si segnalano situazioni di criticità”. Lo comunica la Polizia Postale che sta monitorando gli effetti del maxi attacco hacker denominato “WannaCry”. L’Italia è stata colpita ma non massicciamente. Tra le “vittime” sin qui figurano solo un paio di università, ma nessun servizio essenziale. Il ransomware è un virus malevolo che prende in ostaggio computer e smartphone e, proprio come in un rapimento, i cybercriminali chiedono agli utenti un riscatto in denaro per poter rientrate in possesso dei propri dati. Nell’ultimo anno ha visto un balzo del 50%. Per difendersi, si consiglia l’installazione della patch MS 17-010, rilasciata da Microsoft il 17 marzo 2017.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Sgomberato Baobab di Roma

La fake news di Manfellotto sui contributi UE

Birra Napoli si produce a Roma

La beneficenza per l’Africa subsahariana finisce in Francia

Salvini prosegue linea Renzi sui termovalorizzatori

Avvertimento al giornalista Federico Ruffo