Le bollette stratosferiche del gas di Eni e il recupero credito di Euro Service

Una bolletta di conguaglio del gas di oltre 9 mila euro? Con Eni è possibile, come dimostra il caso di una coppia anziana di Napoli. E se non paghi arriva la società di recupero credito.

Una bolletta dell'EniUna bolletta di conguaglio di oltre 9.000 euro per il consumo di gas domestico? Purtroppo può capitare, come è successo ad una coppia di anziani di Napoli che ha ricevuto questa “sorpresa” da Eni lo scorso marzo. Un vero e proprio incubo per l’intestatario del contratto. Il periodo di riferimento del “presunto” conguaglio del gas è relativo al biennio 2012-2013, ovvero oltre 4 anni fa. Che cos’è un conguaglio?

Il conguaglio è un importo dovuto per pareggiare i conti con il fornitore. Concretamente il pareggio è relativo a consumi di gas passati ma non fatturati a causa di consumi stimati invece di essere effettivi. Una domanda sorge spontanea: una coppia di anziani può consumare una cifra così alta in soli due anni? La risposta è no, visto che utilizzano il gas solo per la cucina e l’acqua calda. Il bello deve ancora arrivare. L’intestatario, dopo aver ricevuto la bolletta stratosferica, ha inoltrato all’azienda un reclamo comunicando l’intenzione di non pagare nessuna cifra. Quale è stata la risposta di Eni? L’azienda ha ceduto il credito a Euroservice Group, una società di recupero crediti già finita nelle mire dell’Antitrust nel 2015 per “solleciti di pagamento riguardanti presunte bollette insolute di energia elettrica e gas”. Questa pratica è legale, ma andrebbe regolamentata e forse vietata. Il motivo? Le società di recupero credito fanno di tutto per recuperare una parte della somma contestata.  Sollecitano a mezzo di telefonate insistenti, nonché con e-mail o sms, il pagamento di crediti non dettagliati o comunque contestati. Le associazioni dei consumatori consigliano di ignorare tutto ciò che non arriva per raccomandata a/r. In rete ho trovato altri casi simili alla coppia di anziani napoletana. Uno dei casi più frequenti è l’errore di fatturazione dovuto a conteggi di consumi stimati ma non effettivi, a cui sono stati addebitati consumi per una maggiore fornitura che aveva richiesto ma mai ricevuto. E la casistica è molto ampia: addebiti eccessivi dovuti a errori di fatturazione, doppia fatturazione, cambio del fornitore non richiesto, contratti falsi e cambio del contatore.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Assicurazione RC auto con scatola nera

Pensioni reversibilità Italia nel mirino Ocse

Carta di identità elettronica alle Poste

La presunta gaffe della Castelli sulla Panda 1000

Cgia: 11 miliardi al fisco dalle tredicesime

Istat: A rischio povertà una persona su 4