Ingv: Sismicità superiore alla media nel Centro Italia

Il Centro Italia torna a tremare. Una scossa di magnitudo 4.2 è stata registrata tra le province dell'Aquila, Rieti e Teramo. L'Ingv lancia l'allarme.

TerremotoTorna la paura nel Centro Italia. Una scossa di terremoto di magnitudo 4.2 è stata registrata alle 4:13 tra le province dell’Aquila, Rieti e Teramo. Secondo i rilevamenti dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia(Ingv), il sisma ha avuto ipocentro a 14 km di profondità; l’epicentro è stato a 3 km da Campotosto(L’Aquila), 8 da Amatrice(Rieti) e 12 da Crognaleto(Teramo). La scossa è stata avvertita dalla popolazione, anche fino a Rieti. Non si hanno segnalazioni di danni a persone o cose. Controllate le dighe Enel, confermata la sicurezza. Il sisma è stato avvertito anche nelle Marche. Il direttore dell’Ingv, Salvatore Stramondo, ha dichiarato: “L’attenzione resta alta perché i livelli di sismicità nell’area sono superiori alla media. Non si possono escludere altre scosse analoghe nell’area. Si tratta della stessa faglia, non si apre un nuovo fronte”. Dal sisma del 24 agosto 2016, nel Centro Italia sono stati registrati 61 eventi sismici con magnitudo tra 4 e 5.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Migrante viene inquadrato dalla telecamera di Agorà

Il cimitero islamico a Napoli

Inps spende 426 milioni per assegni assistenziali agli stranieri

Taglio accise carburanti provoca buco di 4 miliardi

Crisi ANM colpisce periferia

L’imprenditore che non trovava personale si lamenta dei lavori