UE stoppa Renzi sul deficit

Chiusura netta all'idea di Matteo Renzi di portare l'indebitamento netto al 2,9% per cinque anni. Il motivo? E' fuori dalla regole di bilancio.

Matteo Renzi“Ritorno per 5 anni ai parametri di Maastricht con deficit al 2,9%”. Questa è la proposta di Matteo Renzi contenuta nel suo libro “Avanti”, in uscita la prossima settimana. In questo modo l’Italia avrebbe a disposizione almeno 30 miliardi di euro per i prossimi anni per ridurre la pressione fiscale e rimodellare le strategie per la crescita.

Tutto bello, peccato che oggi è arrivato lo stop da parte dell’Unione Europea. Il presidente dell’Eurogruppo, Jeroen Dijsselbloem, ha dichiarato: “Un deficit al 2,9% per i prossimi 5 anni sarebbe fuori dalle regole di bilancio, non è una decisione che un Paese può prendere da solo”. Il politico olandese ha aggiunto: “Sono sempre aperto a rendere le regole più efficienti, ma non possiamo unilateralmente dire che le regole non sono per me quest’anno e per i prossimi 5”. In poche parole fa capire che quella di Renzi è l’ennesima baggianata elettorale. Anche il commissario UE, Pierre Moscovici, commenta la proposta dell’ex premier italiano e ammonisce: “Interesse dell’Italia è ridurre deficit e debito”. Non si è fatta attendere la replica di Renzi. Il segretario del Partito Democratico ha dichiarato: “La proposta sul deficit al 2,9% nella prossima legislatura la discuteremo, ha uno spessore di cinque anni, non possiamo dare questa responsabilità a Gentiloni. Quando la proposta verrà fuori sarà compatibile con le regole UE”. L’ex premier ha aggiunto: “Ma è possibile che l’Europa ci dica cosa fare e poi non è in grado di mantenere gli impegni per la ricollocazione dei migranti? Inizino anche loro a far rispettare agli Stati membri i propri impegni”.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Pernigotti chiude fabbrica di Novi Ligure

Lungomare di Napoli in stato pietoso

Perché il governo Conte ha detto no al prestito BEI?

Migranti aggrediscono troupe Rai

Il caso della stazione Hirpinia dell’Alta Velocità Napoli-Bari

Eurostat: 10% più ricchi ha 24,4% reddito complessivo italiano