Coldiretti: Più italiani in vacanza ad agosto

Agosto resta il mese preferito per trascorrere le vacanze estive. Il mare la meta preferita. Quasi la metà degli italiani ha scelto la prenotazione on line.

VacanzeQuest’estate sono 20,9 milioni gli italiani che si concedono almeno un giorno di vacanza fuori casa nel mese di agosto con un aumento del 7% rispetto allo scorso anno. E’ quanto emerge da un’analisi Coldiretti/Ixè. Sembra dunque essersi accentuata l’abitudine, tutta nazionale, di concentrare le partenze ad agosto, che è senz’altro il mese più richiesto dell’estate. Si riduce leggermente a 11,2 giornate la durata media del tempo trascorso lontano da casa.

Per quasi un italiano su quattro la durata delle vacanze estive è compresa tra 1 e 2 settimane, ma c'è un fortunatissimo 3% che starà fuori addirittura oltre un mese. La spesa media destinata dagli italiani alle vacanze estive sale a 803 euro per persona con un aumento del 16% rispetto allo scorso anno. Dei 38 milioni di italiani(+9%) che hanno scelto di andare in vacanza questa estate ben il 78% resta in Italia mentre appena il 2% in Africa, la percentuale più bassa tra i Paesi extracomunitari. Il mare continua a fare la parte del leone per 7 italiani su 10(69%), seguito dalla montagna con il 17% e dalla campagna con il 9%. Il 49% degli italiani in vacanza ha scelto la prenotazione on line che ha raggiunto il massimo storico di sempre. Il 30% dei vacanzieri prenota da solo sui siti web delle strutture recettive mentre il 19% usufruisce dei siti specializzati e il 17% preferisce non prenotare. Tra i tradizionalisti il 17% contatta telefonicamente le strutture e appena il 16% si rivolge a tour operator o agenzie mentre il 4% non risponde alla domanda.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Ronaldo alla Juventus. In Spagna è accusato di evasione fiscale

Rimodulazione Vodafone a ritmo di musica

Tre e Wind lasciano clienti senza connessione dati

Acquisto Ronaldo fa indignare ex operai Fca di Pomigliano

La vittoria della Francia multietnica e l’inutilità del canone TV