Napoli: Immigrati in rivolta contro i militari di Strade sicure

Militari dell'Esercito aggrediti da un gruppo di extracomunitari per impedire il fermo di un marocchino. La Rete antirazzista denuncia che il marocchino è stato malmenato.

Il marocchino fermato dai militariNapoli è diventata una città dove ognuno fa quello che vuole. L’ultimo caso di cronaca si è verificato in via Firenze, a pochi passi dalla stazione centrale. Da anni questa zona è in mano agli extracomunitari e la presenza dello Stato si nota raramente. Ieri(6 agosto) sono passati i militari dell’Esercito impegnati nel servizio “Strade sicure”.

I soldati hanno fermato un marocchino e lo hanno immobilizzato al suolo. Gli altri immigrati hanno cominciato a farsi incalzanti e a richiamare l’attenzione della gente in strada. Di lì a poco, i militari vengono accerchiati da un gruppo di extracomunitari che cercano di liberare l’uomo. Ne nasce un parapiglia, attimi di tensione ripresi in un video di oltre due minuti, che mostra i soldati accerchiati. Non si sa cosa abbia fatto scattare la scintilla, ma il video inizia con l’immigrato già a terra e mostra di lì a poco l’accerchiamento dei soldati. “Basta abusi e basta ricostruzioni mediatiche di parte per quel che riguarda immigrati e rifugiati. Nel fermare un cittadino marocchino per un controllo dei documenti, i militari hanno finito invece per malmenarlo duramente”. Questo è quello che c’è scritto nella lettera della Rete Antirazzista Napoli, associazione partenopea impegnata contro il razzismo. Una domanda sorge spontanea: perché il marocchino è stato fermato? Mica vogliono farci credere che i militari l’hanno fermato per sfogarsi? L’unica cosa certa è che la situazione è diventata ingestibile a Napoli e forse pure nel resto d’Italia. Gli abitanti del quartiere Vasto si dicono “esasperati” e chiedono “più controlli e sicurezza per la situazione di degrado e insicurezza in cui si vive”. Le zone franche dell’illegalità non piacciono alle persone perbene.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Prima rata Tari 2019 scade il 30 giugno

Conad compra punti vendita Auchan

Il cimitero giungla di Secondigliano

Inaugurato cantiere per abbattimento della Vela verde

Spari in ospedale a Napoli

Il cantiere morto di piazza Mercato