UE: Un grande piano per l’Africa

Un investimento di lungo periodo da 50-60 miliardi per l'Africa capace di contrastare le cause più profonde del fenomeno migratorio. Servirà?

MigrantiRafforzare la capacità di controllo dei confini marittimi e terrestri, contrasto al terrorismo e ai trafficanti, creare una task force delle forze di sicurezza maggiore coinvolgimento di Oim e Unhcr per realizzare in Niger e Ciad e migliorare in Libia i centri accoglienza per migranti irregolari. Questi i punti qualificanti discussi oggi al Viminale nella seconda riunione della “Cabina di Regia” dei Ministri dell’Interno di Ciad, Italia, Libia, Mali e Niger.

Si tiene oggi(28 agosto) a Parigi il vertice sui flussi migratori, a cui partecipano Francia, Germania, Italia, Spagna, Ciad, Niger, Libia, e l’Alta rappresentante UE per gli Affari esteri, Federica Mogherini. Il presidente del Parlamento europeo, Antonio Tajani, propone di dare 6 miliardi di euro alla Libia per favorire un accordo tra Bengasi e Tripoli e chiudere il Mediterraneo centrale, un investimento pari a quello messo in campo per la Turchia. Ma non finisce qui. Il politico italiano ha aggiunto: “Per contrastare le migrazioni dobbiamo varare un grande piano UE per l’Africa”. La proposta è quella di investire 50-60 miliardi di euro per agire direttamente sulle cause del fenomeno migratorio. L’effetto leva dei privati potrebbero mobilitare fino a 500 miliardi di euro. Tra i privati ci saranno anche i trafficanti di armi?

In Italia 26.010 posti per migranti

L’Italia è il Paese dell’Unione Europea dove sbarcano più migranti, ma non è il primo nell’accoglienza. Nel 2016 potevamo accogliere 26.010 migranti, in Francia 70-80.000. In Germania, solo i minori non accompagnati sotto protezione sono 35.000, a cui si aggiungono 23.600 giovani. Sono dati del report mensile delle Agenzie UE per i diritti fondamentali. A giugno 13.170 migranti hanno chiesto asilo in Italia, che respinge l’84% delle domande. L’Italia ha respinto il 90% delle domande dei nigeriani, l’85% dei gambiani, l’84% dei maliani. Alla fine di luglio, ci sono state 17.460 ricollocazioni dalla Grecia e 7.940 dall’Italia(dati Oim e Unhcr).

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Pernigotti chiude fabbrica di Novi Ligure

Lungomare di Napoli in stato pietoso

Perché il governo Conte ha detto no al prestito BEI?

Migranti aggrediscono troupe Rai

Il caso della stazione Hirpinia dell’Alta Velocità Napoli-Bari

Eurostat: 10% più ricchi ha 24,4% reddito complessivo italiano