Il Giro d’Italia 2018 parte in Israele

Per la prima volta il Giro d'Italia parte in un altro continente: tre tappe in Israele. Il sogno degli organizzatori è quello di avere Chris Froome.

Il Giro d’Italia 2018 parte in IsraeleIl Giro d’Italia rende omaggio ai 70 anni d’Israele: esce dall’Europa per la prima volta, approdando nel 2018 a Gerusalemme fino alla Galilea e al deserto del Neghev. Per il Giro, compresa quella da San Marino, sarà la tredicesima partenza dall’estero. Le tre tappe israeliane sono state presentate a Gerusalemme.

La frazione d’apertura sarà una crono di 10,1 km venerdì 4 maggio. Percorso articolato all’interno dell’abitato con arrivo a ridosso delle mura della città storica. Finale in salita. Sabato 5 frazione in linea Haifa-Tel Aviv, 167 km. Terza tappa, il 6, Be’er Sheva-Eliat, sul Mar Rosso, 226 km. Il Giro d’Italia 2018 si concluderà il 27 maggio. Il resto della corsa verrà presentato in autunno: il progetto, a cui manca ancora l’ufficialità, è quello dell’arrivo finale a Roma. Il sogno nascosto degli organizzatori, ma non più di tanto, è quello di avere al via della corsa rosa Chris Froome, reduce dalla doppietta Tour e Vuelta. Il keniano bianco, in caso di vittoria del Giro, sarebbe il primo della storia a fare la tripletta consecutiva. Alla cerimonia di presentazione delle tappe israeliane erano presenti anche due ex vincitori del Giro d’Italia, Ivan Basso e Alberto Contador. Durante la cerimonia è stato reso omaggio alla figura di Gino Bartali, che il 10 ottobre 2013 venne insignito “Giusto fra le Nazioni” e il cui nome è impresso sul muro d’onore del Giardino dei Giusti nel mausoleo della Memoria Yad Vashem a Gerusalemme.

Giro d'Italia - The route of first 3 stages

Here the first 3 stages of the Giro d'Italia!

Pubblicato da Giro d'Italia su Lunedì 18 settembre 2017

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Pernigotti chiude fabbrica di Novi Ligure

Lungomare di Napoli in stato pietoso

Perché il governo Conte ha detto no al prestito BEI?

Migranti aggrediscono troupe Rai

Il caso della stazione Hirpinia dell’Alta Velocità Napoli-Bari

Eurostat: 10% più ricchi ha 24,4% reddito complessivo italiano