Ocse: In Italia Neet un ragazzo su 4

In Italia un ragazzo tra i 15 e i 29 anni su 4 non è occupato o non è iscritto a un percorso di formazione. Il nostro Paese è maglia nera per spesa pubblica nell'istruzione.

In Italia Neet un ragazzo su 4 In Italia i Neet(Not in Education, Employment, or Training) raggiungono il 26%, contro una media del 14% degli altri Paesi Ocse. Lo rileva il rapporto “Uno sguardo sull’istruzione 2017” diffuso oggi(12 settembre) dall’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico.

Il nostro Paese ha la seconda quota più alta di giovani tra i 15 e i 29 anni che non lavorano né studiano. Davanti a noi c’è solo la Turchia con il 28%. In Italia è Neet un ragazzo su 4. Il nostro Paese è al primo posto nell’UE a 28. La situazione più grave è in Sicilia e Calabria con il 38% di Neet. Segue la Campania con il 35%. In Sardegna e Puglia la quota di Neet è al 31%. Le aree con meno Neet sono Bolzano(10%), Veneto, Emilia Romagna e Trento(16%). Dall’analisi dell’Ocse emerge inoltre che l’Italia è maglia nera per la spesa pubblica nell’istruzione: nel 2014 era al 7,1%, con un calo del 9% rispetto al 2010. L’Italia registra appena il 18% di laureati, contro il 37% della media nella zona Ocse. Peggio di noi solo il Messico. Male anche il dato sul conseguimento di una prima laurea, al 35%: il quarto più basso dopo Ungheria, Lussemburgo e Messico. Nel 2016 solamente il 64% dei laureati compresi tra i 25 e i 34 anni aveva un lavoro, mentre il dato arrivava all’80% tra gli adulti 25-64enni. Dal rapporto Ocse emerge che ci sono troppi laureati nelle materie umanistiche e troppo pochi in quelle economiche che garantirebbero una maggiore possibilità di occupazione. Belle arti, discipline umanistiche, scienze sociali, giornalismo e informazione: questi i campi di studio preferiti in Italia, dove nel 2016 si è registrato il 30% dei laureati, il numero più importante nell’area Ocse.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Pernigotti chiude fabbrica di Novi Ligure

Lungomare di Napoli in stato pietoso

Perché il governo Conte ha detto no al prestito BEI?

Migranti aggrediscono troupe Rai

Il caso della stazione Hirpinia dell’Alta Velocità Napoli-Bari

Eurostat: 10% più ricchi ha 24,4% reddito complessivo italiano