Dove ritira pubblicità su Facebook

Il noto marchio di prodotti per l'igiene personale è stata accusata di razzismo dagli indignados del web per una pubblicità. Lo spot somiglia ad un video di una canzone di Michael Jackson.

Pubblicità DoveDove, tra i brand per l’igiene personale più noti è costretta a scusarsi dopo una pioggia di critiche, in particolare sul web dopo la sua pubblicità su Facebook. L’azienda, che fa capo alla multinazionale anglo-olandese Unilever, è accusata di aver fatto una pubblicità razzista. E’ davvero così?

Nel pubblicizzare un bagnoschiuma la Dove aveva mostrato l’immagine di una ragazza nera che indossava una maglietta scura ma che nel togliersela rimaneva con una t-shirt chiara e soprattutto si trasformava in una ragazza di pelle bianca. La sequenza vedeva poi la stessa ragazza caucasica spogliarsi della maglietta e lasciare il posto a una donna dai tratti dell’estremo oriente. Per gli indignados di Facebook la pubblicità è razzista. La campagna è stata ritirata e la Dove si è scusata. L’azienda ha scritto: “Volevamo solo testimoniare che rappresentiamo le donne di qualsiasi colore. Ci dispiace se abbiamo offeso qualcuno”. E’ la verità. La pubblicità, infatti, fa capire che usano Dove le donne di tutte le razze, messaggio troppo complicato per i prolet del web. Tra l’altro, lo spot somiglia un po’ al video della canzone “Black or White” di Michael Jackson. Meno male che nel 1991 non c’era ancora Facebook, altrimenti gli indignados del web avrebbe etichettato come razzista anche il Re del Pop.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Assicurazione RC auto con scatola nera

Sgomberato ex penicillina

Pensioni reversibilità Italia nel mirino Ocse

Cimiteri comunali di Napoli senza illuminazione

Cgia: 11 miliardi al fisco dalle tredicesime

Carta di identità elettronica alle Poste